Inter-Sampdoria 1-0

inter_sampdoria

L’Inter si salva su rigore al ’90. Icardi decide la sfida con la Sampdoria all’ultimo minuto e finisce 1-0 così i nerazzurri ottengono altri tre punti d’oro.

icardi

Crozza a diMartedì del 28.10.2014 – [Video Completo]

Maurizio Crozza apre la copertina di diMartedì su La7 con la scissione nei fatti avvenuta nel PD: mezzo partito alla Leopolda e mezzo a protestare in piazza. Nel primo caso la parola bandita era proprio “sinistra”, mentre nel secondo caso sindacati e classe operaia erano in bella vista. L’altro evento della giornata è stata la deposizione di Giorgio Napolitano nel processo sulla trattativa Stato-mafia. A proposito di mafia, Beppe Grillo ha ancora fatto centro nelle cazzate che dalla Sicilia ha parlato della “morale” persa dai mafiosi.

crozza_video_precedenti

Google dedica un doodle a Jonas Salk

google_doodle_Salk

google_doodle_Salk_littleIl doodle che fa bella mostra di sé nella pagina principale del motore di ricerca di Google è dedicato al 100° anniversario della nascita del medico e scienziato americano Jonas Edward Salk.

220px-Salk_headlinesNel doodle statico sono rappresentati bambini festanti che ringraziano il dottore che si dedicò allo studio della poliomielite e si riferisce alla giornata del 12 aprile 1955, Jonas Salk fu salutato come “l’uomo dei miracoli”, e la giornata “divenne quasi un giorno di festa nazionale”

In effetti il vaccino messo a punto da Jonas Salk permise di sconfiggere il virus della poliomielite, considerato fino ad allora il problema più spaventoso in materia di salute pubblica nel dopoguerra le cui vittime erano sopratutto bambini.

Nel 1960 fondò il Salk Institute for Biological Studies in California, che è tuttora un centro di ricerca medica e scientifica e dove trascorse gli ultimi anni della sua vita ricercando un vaccino contro l’HIV.

Jonas Salk

Ma quanto ci costerà l’incostituzionalità dell’attuale legge antipirateria?

E’ chiaro a tutti che il Regolamento in materia di tutela del diritto d’autore entrato in vigore lo scorso 31 marzo 2014 sia anticostituzionale in quanto “permette l’inibizione dell’attività dell’utente del web senza un previo accertamento della violazione del diritto d’autore da parte dell’Autorità Giudiziaria Ordinaria e questo in contrasto con quanto sancito dalla Giurisprudenza Comunitaria e dalla Costituzione Italiana” così come hanno indicato Altroconsumo, Assoprovider e Movimento Difesa del Cittadino (MDC) nella diffida all’Autorità Garante delle Comunicazioni.

shutterstock_96124010Poiché l’AGCOM non è assolutamente intenzionata a cambiare i termini dell’attuale normativa, mentre aspettiamo che la Corte Costituzionale si esprima (e passeranno dei mesi prima di un pronunciamento in merito), i costi derivanti da questa illegittimità costerà centinaia di migliaia di euro alle casse dello Stato e quindi rischia di produrre ricadute economiche pesanti sulle nostre tasche.

“I provvedimenti inibitori provocheranno altrettante possibili opposizioni al Tar Lazio degli interessati e un aggravio di lavoro per l’Avvocatura dello Stato, per non parlare del dispendio di denaro e risorse dell’Autorità che ha già disposto il trasferimento di circa 533.958,88 euro alla Fondazione Bordoni per la gestione informatica delle procedure in odore di incostituzionalità, si legge nella nota di Altroconsumo.

Quando si parla di sperpero del denaro pubblico.

Cesena-Inter 0-1

cesena-inter

Sul campo del Cesena i nerazzurri di Mazzarri faticano non poco, ma grazie al rigore trasformato da Icardi portano a casa la prima vittoria dopo tre turni a secco.

L’Inter non può stare certo tranquilla, anche perché ha giocato certamente peggio che contro il Napoli, ma a Cesena trova una vittoria che fuori casa in campionato mancava da più di sei mesi.

Il Cesena, sotto di un gol e di un uomo dopo il rosso a Leali, non mette mai davvero paura ai nerazzurri, colpevoli soprattutto di non aver chiuso prima la partita malgrado le praterie a disposizione.

Icardi

Screenshot con il Kindle Paperwhite

La generazione dei Kindle Paperwhite ha portato diverse novità nell’ambito degli ereader di Amazon e alcune non sono così evidenti. Mentre scrivevo il post precedente su come inviare al Kindle un ebook via cloud esterno ho avuto la necessità di pubblicare un immagine di ciò che si vedeva sul Kindle e con mia sorpresa ho trovato in rete che esiste la possibilità di fare degli screenshot.

Per poter catturare lo schermo (fare uno screenshot per l’appunto) del Kindle Paperwhite è sufficiente premere contemporaneamente l’angolo superiore sinistro e l’angolo inferiore destro dello schermo più o meno in questa maniera:

amazon-kindle-paperwhite

Ricapitolando:

  • Premere contemporaneamente l’angolo superiore sinistro e l’angolo inferiore destro dello schermo;
  • Lo schermo flasherà per un attimo;
  • L’immagine in formato .png sarà salvata nella directory principale (root) del Kindle Paperwhite.
  • Collegare il Kindle Paperwhite al computer per accedere al file dell’immagine.

directory_kindle

screenshot_2014_10_26T16_53_17+0200

Cloud storage per Kindle Paperwhite 2 con Box.com

Il cloud storage che Amazon mette a disposizione dei clienti è sicuramente un punto di forza degli ereader Kindle. In maniera semplice ed ordinata viene messa a disposizione una libreria pressoché infinita dalla quale è possibile acquistare dli ebook di nostro interesse mettendoli automaticamente a disposizione dei nostri vari dispositivi che siano il Kindle piuttosto che il tablet/pc o lo smartphone in maniera tale da avere sempre sottomano i propri libri.

kindle-paperwhite-panoramica

Purtroppo accanto agli ebook ufficiali di Amazon c’è chi vuole accedere dal proprio Kindle ai propri documenti e agli ebook DRM free reperiti in rete. Se è pur vero che esiste la possibilità di “inviarli” all’indirizzo email del proprio dispositivo per trovarseli automaticamente digitalizzati da Amazon nel proprio cloud storage (che verranno visti come documenti personali e non come libri), personalmente trovo questa soluzione, così come quella di utilizzare App specifiche per l’invio al Kindle, per niente pratica e non del tutto soddisfacente.

Già possessore di un Kindle Touch e da qualche mese passato al più performante Kindle Paperwhite 2 (2014), ho cercato in rete una soluzione adatta alle mie esigenze.

calibreUtilizzando un software come Calibre per la manutenzione della mia libreria elettronica e per la codifica nel formato .MOBI o .AZW3 degli ebook ci sono diversi modi per poter inviare i ns. ebook al Kindle, che possiamo suddividere in due categorie (Wired e Wireless):

  • (metodo wired) collegando il dispositivo via USB;
  • (metodo wireless) utilizzando la funzione d’invio via email;
  • (metodo wireless) utilizzando un cloud esterno (google drive, dropbox, box.com).

Non trovando per niente comodo il dover collegare il Kindle al PC Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 184 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: