Da Google un doodle animato in onore di Bartolomeo Cristofori inventore del pianoforte

Bartolomeo Cristofori
Istantanea_2015-05-04_00-20-01Il doodle animato che campeggia nella pagina principale del motore di ricerca di Google è in onore di Bartolomeo Cristofori l’artista padovano a cui dobbiamo l’invenzione del pianoforte.

Il doodle animato in cui il logo di Google è trasformato in pianoforte possiamo proprio ammirare un omino raffigurante Bartolome tutto intento ad intonare sul suo strumento un motivetto tratto da “Gesù gioia degli uomini” di Johann Sebastian Bach . Muovendo il cursore posto a destra è possibile variare l’intensità del suono a seconda della pressione del tasto.

Bartolomeo Cristofori lavorò presso la corte dei Medici a Firenze intorno al 1690. Tra il 1698 e il 1700 inventò il gravicembalo con il piano e il forte (successivamente chiamato fortepiano), strumento precursore del pianoforte, sostituendo, al meccanismo dei salterelli proprio del clavicembalo quello dei martelletti con lo scappamento, in modo da variare l’intensità del suono a seconda della pressione del tasto. Degli strumenti costruiti dall’inventore ad oggi ne rimangono tre, conservati rispettivamente al Museo degli Strumenti Musicali a Roma, al Metropolitan Museum di New York e al Museo degli Strumenti Musicali dell’Università di Lipsia. (fonte Wikipedia)

bartolomeo_cristofori

Stasera su RAITRE c’e’ REPORT

Nuovo appuntamento stasera su RAITRE con REPORT, la trasmissione di Milena Gabanelli.

L’inchiesta principale di stasera è di Paolo Mondani e s’intitola Le fatiche di Ercole.  Report, prima degli arresti, ha incontrato alcuni dei protagonisti dell’inchiesta, che hanno descritto il meccanismo del “Sistema Incalza” e le storture della Legge Obiettivo. In primis, la possibilità per le imprese private che realizzano le opere di indicare il direttore dei lavori, un unicum in Europa. Il controllore nominato dal contr

Nella seconda inchiesta di Sabrina Giannini intitolata Che mondo sarebbe senza… si parlerà dell’olio di palma. Presente nel 50% dei prodotti industriali (anche nel latte artificiale per bambini), è da qualche anno proprio al centro del dibattito sulla sostenibilità che le grandi aziende dell’agroalimentare stanno intraprendendo. Ma quanto è credibile la certificazione di sostenibilità ed è possibile che, alimentandoci in eccesso, possiamo mettere a rischio intere popolazioni e l’atmosfera?

Se cercate del buon giornalismo d’inchiesta, non perdetevi ogni domenica le inchieste di Report.

Il nuovo browser di Microsoft si chiamerà Edge

Microsoft ha da poco svelato il nome del nuovo browser di Windows 10, finora conosciuto come Project Spartan. L’appellativo definitivo scelto dall’azienda di Redmond sarà Microsoft Edge.

microsoft-edge-logoIl logo del nuovo software ricorda il browser messo in soffitta: Internet Explorer.

Tra le funzionalità di Microsoft Edge svelate di recente, troviamo il supporto a Cortana, l’assistente virtuale di Windows 10 destinato a fare concorrenza a Siri, il suo corrispettivo di casa Apple.

Provato sul campo in una delle ultime ISO Technical Preview di Windows 10 ciò che mi ha maggiormente colpito è la velocità di renderizzazione resa percepibile anche dal design semplice ed efficace.

Da sottolineare poi la possibilità di prendere note direttamente all’interno di Microsoft Edge, funzione che forse rivoluzionerà l’odierno modo di navigare in rete sfruttando la possibilità di scrivere, disegnare e applicare altri tipi di contenuti dallo stesso browser, condividendo poi le note coi propri amici.

Da Google un doodle per la festa dei lavoratori 2015

Istantanea_2015-05-01_00-08-31Anche Google festeggia la festa dei lavoratori 2015 con un doodle statico nella pagina principale del suo motore di ricerca dove le lettere che compongono usualmente il logo dei ragazzi di Mountain View sono trasformate in altrettanti utensili.

La Festa del lavoro o Festa dei lavoratori viene celebrata il 1º maggio di ogni anno in molti Paesi del mondo per ricordare l’impegno del movimento sindacale e i traguardi raggiunti dai lavoratori in campo economico e sociale.

Password Alert: estensione ufficiale di Google Chrome per proteggerci dal pishing

Google ha rilasciato Password Alert, un’estensione del browser Chrome che protegge da attacchi di tipo pishing durante l’utilizzo dei servizi messi a disposizione da Google, in pratica controllando di non essere su di un sito truffaldino al momento dell’immissione delle credenziali di accesso.

Negli attacchi di phishing le informazioni (credenziali di login, dati della carta di credito, ecc…) vengono trafugate ingannando l’utente che pensa di essere invece su di un sito sicuro.

password_alert

I ragazzi di Mountain View sono da sempre in prima linea nel rendere il più sicuro possibile l’accesso ai loro servizi e dopo aver implementato la verifica in due passaggi, propone adesso questa estensione del suo browser ufficiale (Chrome per l’appunto) che avvisa l’utente di essere di fronte a pagine di accesso di Google false, prima che di aver digitato la password. A tal fine, Password Alert controlla il codice HTML di ogni pagina che visiti per verificare se si tratta di una pagina di accesso di Google falsa.

password_alert_estensione

Crozza a diMartedì del 28.04.2015 – [Video Completo]

Maurizio Crozza apre la copertina di diMartedì su La7 con l’imitazione di Matteo Renzi si ride amaramente sull’Italicum

crozza_video_precedenti

Il 28 aprile è la Giornata mondiale delle vittime dell’amianto

Oggi è la decima Giornata mondiale dedicata alle vittime dell’amianto. Oltre 100 mila persone decedute in Europa per le malattie asbesto-correlate dal 1999 al 2010, mentre nel nostro Paese, tra il 1993 e il 2008 sono stati registrati ben 15.845 casi di mesotelioma maligno.

giornata_mondiale_vittime_amianto

Secondo le stime, per difetto, diffuse da Cnr-Inail, a 23 anni dalla messa al bando sarebbero ancora presenti in Italia circa 32 milioni di tonnellate di amianto, mentre il Programma nazionale di bonifica del ministero dell’Ambiente sostiene che sono 75mila gli ettari di territorio in cui è accertata la presenza del materiale tossico. Pochissimi gli interventi di bonifica realizzati.

Facciamo appello al Governo affinché si impegni concretamente per avviare al più presto le bonifiche dei siti industriali e la rimozione dell’amianto dagli edifici ancora contaminati.amiantoabbandonato

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 367 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: