L’estate é finita! Inizia l’autunno astronomico

Questa notte, con l’equinozio di autunno (che cade solitamente il 22 o il 23 settembre), ci lasciamo finalmente l’estate alle spalle. Grazie alla posizione della Terra, il Sole sorgerà quasi esattamente ad est e tramonterà quasi esattamente ad ovest e le ore di luce e quelle di buio si equivarranno. Successivamente le ore di giorno si accorceranno sempre di più.

Come al solito i ragazzi di Mountain View hanno preparato un doodle animato per la homepage di Google: chissà chi si nasconde sotto al mucchio di foglie?

[Google – doodle] Giornata della Terra, Earth Day 2018

Questo slideshow richiede JavaScript.

Domani, 22 Aprile, è la Giornata della Terra. Una giornata fondamentale per ricordare l’importanza del nostro Pianeta e per riflettere dell’impatto che, giorno dopo giorno, tutti noi abbiamo su di esso attraverso le nostre scelte quotidiane.

L’Earth Day è la più grande manifestazione ambientale del pianeta che dal 2007 vede coinvolta anche l’Italia: una giornata in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia.

Per l’occasione Google propone nella sua homepage un doodle ispirato alla figura dell’etologa specializzata nello studio dei primati Jane Goodall da sempre in prima linea nella lotta per conservazione della biodiversità e a un video che racconta brevemente la sua storia.

Quest’anno il solstizio d’inverno cade il 21 dicembre alle ore 18:11 e 32s

Quest’anno il solstizio d’inverno cade sabato 21 dicembre alle ore 17:11:32 UTC (ovvero alle nostre ore 18:11:32 TMEC). Tecnicamente parlando è questo il momento in cui il Sole, nel suo moto annuale apparente lungo l’eclittica, raggiunge la massima distanza angolare rispetto all’equatore terrestre. Per i terrestri più normali a digiuno di astronomia tutto ciò significa che il 21 dicembre 2013 è il giorno più corto dell’anno (il Sole sorge alle alle 7.37 e tramonta alle 16.44).

Da domani le giornate cominceranno lentamente ad allungarsi (giorno e notte diventeranno identici il 21 marzo, equinozio di primavera, e il giorno raggiungerà infine la massima lunghezza il 21 giugno, equinozio d’estate, per poi iniziare nuovamente a diminuire).

E’ primavera

primavera350px-Four_season_italian_infotext.svgore 11.02 del 20 marzo 2013 è arrivata la primavera…  il cui inizio si fa da sempre coincidere infatti con l’equinozio di primavera, ovvero quell’istante in cui il Sole, per via della posizione che in quel momento occupa la Terra, assume una posizione perpendicolare all’Equatore. In questo preciso momento dell’anno, il Sole sorge quasi esattamente a est e tramonta quasi in modo perfetto ad ovest. Si tratta anche del giorno in cui la durata del dì e della notte coincidono.

Bye bye estate: oggi 22 settembre inizia l’autunno astronomico

Ore 16:49. E’ l’equinozio di autunno (che cade solitamente il 22 o il 23 settembre). Il Sole sorge quasi esattamente ad est e tramonta quasi esattamente ad ovest; nel nostro emisfero, quello settentrionalesuccessivamente il giorno si accorcerà sempre più.

L’estate è finita

Sono più miti le mattine

e più scure diventano le noci

e le bacche hanno un viso più rotondo.

La rosa non è più nella città.

L’acero indossa una sciarpa più gaia.

La campagna una gonna scarlatta,

Ed anch’io, per non essere antiquata,

mi metterò un gioiello.

(E. Dickinson)

Puntuale è arrivata anche quest’anno la primavera

È Google, con un suo doodle disegnato da Marimekko, che ci ricorda che oggi inizia la primavera. Non ci sono più le mezze stagioni e chi era convinto che la primavera iniziasse il 21 marzo si sbagliava.

ore 05.14 del 20 marzo 2012 è arrivata la primavera…  il cui inizio si fa da sempre coincidere infatti con l’equinozio di primavera, ovvero quell’istante in cui il Sole, per via della posizione che in quel momento occupa la Terra, assume una posizione perpendicolare all’Equatore. In questo preciso momento dell’anno, il Sole sorge quasi esattamente a est e tramonta quasi in modo perfetto ad ovest. Si tratta anche del giorno in cui la durata del dì e della notte coincidono.

 E’ dolce primavera

Alla selve,alle foglie dei boschi è dolce primavera;
a primavera gonfia la terra avida di semi.
Allora il Cielo, padre onnipotente, scende
Con piogge fertili
E acende ogni suo germe. Gli arbusti risuonano
Del canto degli uccelli, i prati rinverdiscono.
E i campi si aprono: si sparge la tenera acqua;
ora al nuovo sole si affidano i nuovi germogli.
Virgilio (poeta latino)

Quest’anno il solstizio d’inverno cade il 22 dicembre alle ore 06:30 e 28s

Tecnicamente parlando è questo il momento in cui il Sole, nel suo moto annuale apparente lungo l’eclittica, raggiunge la massima distanza angolare rispetto all’equatore terrestre. Per i terrestri più normali a digiuno di astronomia tutto ciò significa che il 22 dicembre 2011 è il giorno più corto dell’anno: il Sole sorge alle 7:59 e tramonta alle 16:47.

Da domani le giornate cominceranno lentamente ad allungarsi (giorno e notte diventeranno identici il 21 marzo, equinozio di primavera, e il giorno raggiungerà infine la massima lunghezza il 21 giugno, equinozio d’estate, per poi iniziare nuovamente a diminuire).

7.000.000.000

Adesso è ufficiale, secondo l’Unfpa, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, siamo arrivati al culmine. Sulla Terra siamo 7 miliardi di abitanti. Per la cronaca il titolo di 7miliardesimo abitante della Terra se lo contengono la piccola Nargis dell’India e la piccola Danica May Camacho nata nelle Filippine.

Per qualcuno siamo in troppi. E non si tratta di una questione di spazio. E’ stato calcolato che se ci mettessimo in piedi, spalla a spalla, 7 miliardi di persone occuperebbero la superficie di una grande metropoli come Los Angeles, piuttosto un problema di risorse. Il futuro è incerto, speriamo bene.

La rapida crescita della popolazione mondiale, è un fenomeno recente. Circa 2000 anni fa il mondo intero era abitato da circa 300 milioni di esseri umani. Ci sono voluti più di 1600 anni perché quella cifra raddoppiasse, raggiungendo i 600 milioni. La crescita demografica ha avuto un’impennata a partire dal 1950: la riduzione della mortalità nelle regioni meno sviluppate ha portato a una stima della popolazione mondiale, nel 2000, di 6,1 miliardi, quasi due volte e mezzo la cifra di cinquant’anni prima.

Puntuale è arrivata anche quest’anno la primavera

ore 23:21 del 20 marzo 2011 è arrivata la primavera…  il cui inizio si fa da sempre coincidere infatti con l’equinozio di primavera, ovvero quell’istante in cui il Sole, per via della posizione che in quel momento occupa la Terra, assume una posizione perpendicolare all’Equatore. In questo preciso momento dell’anno, il Sole sorge quasi esattamente a est e tramonta quasi in modo perfetto ad ovest. Si tratta anche del giorno in cui la durata del dì e della notte coincidono.

FILASTROCCA MARZOLINA

Filastrocca di primavera,
come tarda a venire la sera.

L’hanno vista ferma in un prato
dove il verde è rispuntato,
un profumo di viole in fiore
l’ha trattenuta un paio d’ore,
ha perso tempo lungo la via
presso un cespuglio di gaggia,
due bimbi con un tamburo di latta
hanno incantato la sera distratta.

Adesso è tardi, lo so bene:
ma però la sera non viene.

Da”Prime fiabe e filastrocche
GIANNI RODARI

Due asteroidi «sfiorano» la Terra

Due oggetti di diametro tra i 15 e i 20 metri: il più vicino passa a 77 mila chilometri, l’altro a 231 mila hanno sfiorato oggi la Terra.

La notizia non ci impressiona affatto. Riusciamo a convivere con indifferenza ad eventi forse più tragici che capitano a qualche Km da casa nostra, che volete che sia qualche sassolino spaziale tra il nostro vituperato pianeta e la Luna.

La cosa che più dovrebbe farci riflettere è che questi due oggetti celesti sono stati scoperti solo il 5 settembre da un osservatorio americano. Nel giro di tre giorni ce li ritroviamo qui a sfiorare la Terra. Ma dico io, ma gli scienziati ci vanno ogni tanto al cinema o rimangono sempre rinchiusi nei loro laboratori? Da Deep Impact ad Armaggeddon oramai lo sanno anche i bambini… per mandare lassù un Bruce Willis qualsiasi a salvare la pelle a tutti ci vuole tempo e preparazione… in tre giorni non se ne fa niente!

Per questa volta ci è andata bene. Forse dovremmo avere una rete di sorveglianza per eventi del genere un pochino più efficiente: con un preavviso di tre giorni Bruce manco si muove da Holliwood.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: