[Tutorial] Come cancellare definitivamente dati su Android e impedirne il recupero

Se dobbiamo rivendere il nostro smartphone a terzi è meglio tutelarci cancellando i nostri dati in maniera sicura e definitiva.

Istantanea_2016-02-19_11-35-18I più ingenui potrebbero pensare che una volta ripristinato il telefono alle impostazioni di fabbrica si cancelli tutto il suo contenuto (dati, app, password) così da poterlo rivendere ad altri utenti sicuri di tutelare la nostra privacy, ma purtroppo non è così.

Dando un’occhiata a cosa c’è sul nostro telefonino ci possiamo rendere facilmente conto che la nostra esistenza è registrata nella sua memoria: le foto, la lista dei nostri amici, le chiacchiere con essi, le nostre abitudini di navigazione, le credenziali per accedere al conto corrente, ecc… Prima di consegnare questa mole di dati a qualcun altro è meglio approfondire la questione.

Basta fare una ricerca con Google per scoprire che il web è pieno zeppo di metodi per il recupero dei dati e che esiste una pletora di app che (nel caso di cancellazione fortuita) consentono di ripristinare file cancellati.

In questo tutorial vi spiegherò come cancellare definitivamente ogni traccia della nostra vita passata sullo smartphone o tablet Android, così da rendere praticamente impossibile il recupero, senza utilizzare strumenti esterni o quant’altro, ma utilizzando una funzione ‘nativa’ di android.

La procedura è  in realtà molto semplice: è sufficiente crittografare l’intera partizione di Android e poi eseguire un ripristino di fabbrica con il risultato che tutto il materiale crittografato sarà perso per sempre, senza alcuna possibilità di recupero, quindi è da eseguire solamente se abbiamo preventivamente fatto una copia di sicurezza dei nostri dati e siamo sicuri di poterli perdere per sempre:

  • Apriamo il menu crittografia al percorso Impostazioni – Sicurezza- Crittografia dispositivo (deve risultare preventivamente attivato il lock dello smartphone, altrimenti è necessario settarlo);
  • Avviamo la procedura e attediamo la fine del processo (può volerci molto tempo in base alla quantità di dati presenti)
  • Effettuiamo un ripristino di fabbrica nel menu delle impostazioni o dalla recovery (wipe /data).

Smettete di guardare questo video e vivete la vita vera

Spendiamo una parte considerevole del nostro tempo sui social network con l’illusione di fare parte di una comunità planetaria con la quale condividere ogni aspetto di ciò che è rimasto della vita reale. E’ così facile interagire con perfetti estranei, piuttosto che dare consenso con un semplice LIKE. Ma è così che rappresentiamo la nostra umanità? Certo è in atto una rivoluzione culturale che ci spinge ad utilizzare nuovi metodi di comunicazione, ma forse non dovremo dimenticarci di tutto quello che accade al di fuori dello schermo del pc o dal display del nostro nuovo cellulare.

Smartphone croce e delizia

Considerate queste righe come uno sfogo.
In Italia secondo gli ultimi dati il 97% delle persone tra i 16 e i 64 anni possiede un cellulare e di questi il 62% possiede uno smartphone. Stiamo parlando di milioni di smartphone che vengono utilizzati nel nostro paese ogni santo giorno da milioni di utenti per lo più frustrati da una rete mobile che pur essendo una delle migliori del mondo non è per nulla all’altezza delle aspettative dei consumatori che pagano fior di abbonamenti per un servizio a dir poco scandaloso.

Italiani-e-Smartphone-rapporto-in-numeri-820x400

Sempre più incalzati Continua a leggere

Super Sync Sports: Google Chrome trasforma il vostro smartphone in un game controller

supersyncsports

Pensiamo che i ragazzi di Mountain View siano sempre  impegnati a trovare nuovi modi per farci apprezzare Google Chrmome e le tante possibilità offerte dalle tecnologie supportati come quelle di ultima generazione tipo l’HTML5, CSS3, SVG e Canvas. L’impiego più interessante è quello che viene fatto delle nuove Touch API, che consentono al browser web di riconoscere le “gesture” fatte sui dispositivi mobili e WebSockets, che si assicura che il browser web e lo smartphone rimangano sincronizzati.

supersyncsportsnews

Quindi questa volta hanno pensato bene di trasformare il nostro smartphone/tablet in uno strumento sincronizzato con il browser Chrome sul nostro PC per trasformarlo in un efficientissimo game controller con cui sfidarsi in Super Sync Sports un gioco completamente free che permette di cimentarsi in tre gare olimpiche (corsa, nuoto, ciclismo) da soli oppure in compagnia di altri tre giocatori (il sistema prevede in tutto max 4 giocatori).

Per giocare a Super Sync Sports serve innanzitutto scaricare il browser Google Chrome, e poi si può interagire non solo con i dispositivi (smarthpone o tablet) Android (4.0+), ma anche iOS (4.3+). Dopo aver scelto se si vuole giocare in single player o in multiplayer, basta digitare il codice che consente la sincronizzazione con la web app. La grafica di Super Sync Sports non sarà certo impeccabile (ma gli avatar sono davvero una chicca, credetemi), ma la musica è coinvolgente e il divertimento, soprattutto in multiplayer, è assicurato.

Cosa aspettate scegliete il vostro avatar, sincronizzate lo smartphone e buona gara a tutti!

INTERNET IN MOBILITA’: ANTITRUST, INSIEME ALLE UNITA’ SPECIALI DELLA GUARDIA DI FINANZA, BLOCCA SERVIZI NON RICHIESTI A PAGAMENTO

Pericolo banner sugli smartphone: secondo un comunicato ufficiale, il Nucleo Speciale Tutela Mercati dell’AGCM e il Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, hanno scoperto un sistema truffaldino e hanno disposto la sospensione della pratica messa in atto dalla società Neomobile e l’oscuramento dei banner collegati alla società Tekka Lab. Inoltre nei prossimi giorni si deciderà se sospendere o meno i banner collegati alla società Noatel alla quale il procedimento per pratica commerciale scorretta è stato notificato questa settimana.

Secondo le numerose segnalazioni dei consumatori, navigando in mobilità su internet, una volta cliccato su banner o link che apparivano sullo schermo, anche solo per potere proseguire la navigazione, si sono trovati inconsapevolmente abbonati a servizi premium (ad esempio giochi, screensaver, applicazioni, suonerie, concorsi a premi etc.) al costo di 5 euro settimanali, che venivano automaticamente scalati dal credito telefonico.

Il Samsung Galaxy S II vince il premio Best Smartphone al MWC 2012

A Barcellona durante il Mobile World Congress 2012 è tempo di presentare i nuovi gadget e di premiare quelli che sono stati nell’ultimo anno i prodotti migliori. Ad aggiudicarsi il premio Best Smartphone ai Global Mobile Award 2012 (l’Oscar del mondo della telefonia mobile, per intenderci) è stato l’apprezzatissimo Samsung Galaxy II.

La giuria di esperti che ha decretato il premio (l’anno scorso l’aveva vinto l’iPhone 4) ha apprezzato non solo il successo commerciale a livello mondiale del super device della casa coreana, ma le sue tante innovazioni con il quale è riuscita a battere non solo lo smartphone di Apple, ma anche tutti gli altri rivali dotati del sistema operativo mobile Android dimostrando tutta la maturità della piattaforma.

Ora non resta che attendere il nuovo firmware ufficiale per installare Android 4.0.3 Ice Cream sul proprio Samsung Galaxy II. Per chi invece non vuole aspettare può leggere questo post.

Bello il video virale di Sharp!

La Sharp ha deciso di pubblicizzare il suo nuovo smartphone Touch Wood SH-08C, un cellulare in edizione limitata con una cover in legno, con un video girato all’interno della foresta di Kyushu in Giappone.

Il maestro Kenjiro Matsuo ha realizzato un enorme strumento musicale sfruttando la sonorità del legno e la forza della gravità ottenendo un’acustica formidabile: il brano riprodotto è la Cantata 147 di Bach.

E’ in arrivo Google Editions

Secondo il Wall Street Journal i ragazzi di Mountain View sono finalmente pronti a lanciare il loro bookstore, ovvero negozio di libri e riviste sottoforma di ebook. Il nuovo servizio di Google dovrebbe vedere la luce verso la fine del 2010 per gli Stati Uniti e a primavera per l’Europa e il resto del mondo.

Google Editions è un progetto che promette di scalzare il re del settore ossia Amazon offrendo milioni di titoli in tutti i formati, di tutte le epoche e lingue sia a pagamento, ma anche gratis. La piattaforma dovrebbe poter interagire con tutti i device, dai pc, ai notebook, dagli smartphone (con Android) ai futuri netbook carrozzati Chrome OS.

 

Goodbye Nexus One

Sono passati solo poco più di sei mesi dall’inizio della grande avventura dello smartphone di Google, che già i ragazzi di Mountain View ne annunciano la fine della distribuzione. Terminata la vendita on line, gli ultimi pezzi saranno venduti direttamente dai partner carrier.

Da chi è stato attento osservatore della rivoluzione che negli ultimi mesi si è creata nel mondo degli smartphone, sicuramente il NEXUS ONE non sarà ricordato come una meteora nel firmamento della telefonia mobile.

La spinta che l’ingresso del colosso GOOGLE ha dato a tutto il movimento con ANDROID scommettendo in prima persona su uno smartphone evoluto (sicuramente ben più funzionale del concorrente iPhone) è fuori di ogni dubbio. Lo scopo del googlfonino è stato quello di dimostrare alle case produttrici la validità di una piattaforma che oggi compete ad armi pari contro Apple e RIM, ha dato nuovo smalto alla MOTOROLA e a SAMSUNG, ha dimostrato la lungimiranza di HTC e a costretto la NOKIA a chiudere il progetto Symbian.

Ricordiamo che in Italia il googlefonino è stato commercializzato da VODAFONE a partire da maggio e si ha tutto il tempo di portarsi a casa uno di questi fantastici gioiellini. In questi giorni si parla di un aggiornamento ota ad Android 2.2 Froyo.

Quindi onore al NEXUS ONE e al sistema ANDROID: sicuramente ne sentiremo ancora delle belle. Stay tuned!

USB HOST DRIVER e tutta la potenza di Android

USB Host Driver è il risultato dell’entusiasmo dei programmatori rispetto al progetto Android sponsorizzato da Google. A differenza dell’iPhone prodotto da Apple, con la sua efficientissima campagna di marketing, prodotti come il Nexus One e il sistema operativo Android permettono alla comunità di sviluppatori di sperimentare nuove soluzioni (lo stesso Froyo, leggi Android 2.2, si basa proprio su alcuni sviluppi portati avanti dalla comunità stessa).

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: