[Google – doodle] Primo giorno di primavera

In barba alle convenzioni, quest’anno l’equinozio di primavera si verifica un giorno prima. Più precisamente alle 10.29 di oggi lunedì 20 marzo (orario Utc, in Italia bisogna aggiungere un’ora e si va quindi alle 11.29).

Quindi se guardando dalla finestra avete come la sensazione che ci sia qualcosa di diverso rispetto a qualche ora fa è soltanto che è giunta la primavera.

Anche Google ce lo ricorda con un doodle animato che campeggia al posto dell’usuale logo in cui un topolino di campagna si sveglia e raccoglie il primo fiore della stagione.

Maledetta primavera, per fortuna al tempo di Monet c’erano ancora le mezze stagioni

Tipo quando ti svegli una mattina con gli occhi abbuffati conciati peggio di quando ti sei infilato a letto. Il naso che pizzica e sgocciola, la testa indolenzita, proprio il giorno in cui dovevi essere al cento per cento per via di quella riunione importante in ufficio.
Ma che diavolo è mai successo?

Ti sei coricato che era fine inverno che la mattina presto per strada c’era la nebbia e ti sei svegliato in piena primavera, pacchetto tutto compreso: sole sopra i venti gradi e nuvole di polline in omaggio. Se tua nonna continua a mormorare che non ci sono più le mezze stagioni non è per via che è rimbambita e ripete cose a caso, ma perché oramai è così e lo ha scritto pure sul suo account su twitter: – Ti giri un attimo, chiudi gli occhi e ti ritrovi in un’altra stagione – (1000 retweet e 1000 cuoricini).

Ovvio che il tuo corpo segua le vecchie leggi naturali in vigore dai tempi della nonna di tua nonna: non è che se di punto in bianco te ne vai in giro con la polo a mezze maniche, quando il giorno prima tremavi se non indossavi i guanti, ti puoi sentire bene. E’ arrivata la primavera insieme all’irritante malessere da cambio di stagione e alle insopportabili allergie.

Perché i prati raggrinziti della sera prima, si sono magicamente trasformati in un trionfo di fiorame che nemmeno nei giardini reali delle favole e ovviamente cresce di tutto, ma di più crescono le graminacee e tutte le altre erbacce infestanti a cui sei allergico.

Devi fartene una ragione e cantare anche tu come la Goggi: «Che fretta c’era… maledetta primavera!».

Ha ragione Loretta e pure tua nonna. Una volta era diverso. La sera dopo cena Continua a leggere

[Google – doodle] E’ primaveraaaaaaaaaa!

Stamattina alle 5.30 è iniziata ufficialmente la primavera.

first-day-of-spring-2016-northern-hemisphere-5727786629070848.4-hp

Magari l’avrete notato dalla temperatura dell’aria che negli ultimi giorni ci ha invitato a lasciare appeso nell’armadio il caldo cappotto che ci ha riparato dal freddo per tutto l’inverno, ma questa domenica è un po’ più speciale delle altre perché ufficialmente è arrivata la primavera!

Non che ci possiamo lamentare dell’andamento dell’inverno appena trascorso: dati alla mano è stato uno dei più clementi, con medie stagionali più alte della norma e purtroppo con precipitazioni scarse di cui ci preoccuperemo semmai quest’estate.

I
più saputelli avranno da ridire che la primavera, lo sanno tutti, inizia il 21 marzo con l’equinozio appunto di primavera. equinozioprimMa come ci annuncia Google (e google non mente quasi mai agli internauti) quest’anno l’equinozio cade il 20 (prendete nota che la cosa si ripeterà nei prossimi anni fino al 2020) e più precisamente la mattina presto, alle 5:30 ora italiana.

Tra l’altro la curiosità è che si tratta dell’orario più ‘precoce’ dal 1896, colpa anche del fatto che il 2016 è un anno bisestile e calendario gregoriano basato sui 365 fa sì che ogni anno l’equinozio cada 6 ore più tardi.

Ma cosa succede durante l’equinozio di primavera: in pratica il Sole, ad un ipotetico osservatore posto all’equatore apparirà perfettamente allo zenit per un osservatore posto all’equatore, e la durata del dì in quel luogo sarà pari a quella della notte: 12 ore esatte.

Il doodle animato di Google vede alcune rocce in trepida attesa mentre aspettano l’arrivo della primavera simboleggiata dalla fioritura di un arbusto; sfortunatamente lo ‘starnuto’ di una di loro farà volare via tutti i petali, ma non per questo finirà la primavera, la stagione del risveglio!

Da Google un doodle per il primo giorno di Primavera e per l’eclissi

google_primavera

Il logo di Google nel doodle animato di oggi si trasforma in tanti fiori simbolo della Primavera che ha inizio proprio stasera alle ore 23:45.

Inoltre oggi è il giorno dell’eclissi: tra le 9:00 (a Milano alle ore 9:24) e le 11:45 di mattina, la Luna si frapporrà tra Terra e Sole, oscurando la luce della stella. In Italia, purtroppo, sarà possibile vedere l’evento solo parzialmente: nel momento clou, il Sole sarà coperto più o meno per la metà.

Da Google un doodle per salutare il primo giorno di primavera

google_doodle_primavera

Questa mattina saremo ufficialmente in Primavera e Google celebra insieme a tutti noi con un doodle animato dove un giardiniere trasforma in fiori e piante il logo della pagina principale del suo motore di ricerca.

Infatti oggi 20 marzo alle 6:14 il Sole supera l’equinozio celeste, passa nell’emisfero celeste settentrionale e segna quel “primum vere”, il primo giorno di primavera, che dà il nome a tutta la nuova stagione.

E’ primavera

primavera350px-Four_season_italian_infotext.svgore 11.02 del 20 marzo 2013 è arrivata la primavera…  il cui inizio si fa da sempre coincidere infatti con l’equinozio di primavera, ovvero quell’istante in cui il Sole, per via della posizione che in quel momento occupa la Terra, assume una posizione perpendicolare all’Equatore. In questo preciso momento dell’anno, il Sole sorge quasi esattamente a est e tramonta quasi in modo perfetto ad ovest. Si tratta anche del giorno in cui la durata del dì e della notte coincidono.

Puntuale è arrivata anche quest’anno la primavera

È Google, con un suo doodle disegnato da Marimekko, che ci ricorda che oggi inizia la primavera. Non ci sono più le mezze stagioni e chi era convinto che la primavera iniziasse il 21 marzo si sbagliava.

ore 05.14 del 20 marzo 2012 è arrivata la primavera…  il cui inizio si fa da sempre coincidere infatti con l’equinozio di primavera, ovvero quell’istante in cui il Sole, per via della posizione che in quel momento occupa la Terra, assume una posizione perpendicolare all’Equatore. In questo preciso momento dell’anno, il Sole sorge quasi esattamente a est e tramonta quasi in modo perfetto ad ovest. Si tratta anche del giorno in cui la durata del dì e della notte coincidono.

 E’ dolce primavera

Alla selve,alle foglie dei boschi è dolce primavera;
a primavera gonfia la terra avida di semi.
Allora il Cielo, padre onnipotente, scende
Con piogge fertili
E acende ogni suo germe. Gli arbusti risuonano
Del canto degli uccelli, i prati rinverdiscono.
E i campi si aprono: si sparge la tenera acqua;
ora al nuovo sole si affidano i nuovi germogli.
Virgilio (poeta latino)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: