Da Google un doodle per i trending topics 2014

new-years-eve-2014-5699412953137152.2-hp

Google trasforma oggi il suo logo in un doodle animato in onore degli argomenti più ricercati dagli utenti nel 2014. Come ogni fine d’anno i ragazzi di Mountain View tirano le somme e pubblicano, paese per paese, la classifica delle parole, dei personaggi, degli argomenti che gli internauti ricercano nel motore di ricerca più utilizzato al mondo.

Google Trend   Classifica Parole emergentiIl doodle animato mostra innanzitutto Flappy Bird, il gioco che ha spopolato quest’anno in milioni di smartphone, poi vengono i Campionati del mondo di calcio in Brasile,  poi viene mostrato il lancio dell’India’s Mars Orbiter Mission, poi la missione dell’Esa con Philae che atterra sulla cometa Churyumov-Gerasimenko, quindi l’Ice Bucket Challenge, la sfida virale su Youtube di rovesciarsi addosso un secchio  di  acqua ghiacciata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla  sclerosi laterale amiotrofica.

Se volete curiosare sulle tendenze di quest’anno in Italia andate a questo link.

Buon 16° compleanno Google: festeggiamo con un doodle

google_birthday

Buon compleanno Google. Il popolare motore di ricerca (il sito più visitato al mondo) compie 16 anni e festeggia con un doodle animato sulla home page. Le lettere del logo si animano e la G si mette a misurare la crescita della O e della L, quasi a significare gli enormi progressi fatti dal quel settembre del 1998.

Chi si ricorda com’era il web sedici anni fa, prima che Larry Page e Sergey Brin, due studenti dell’Università di Standford, rivoluzionarono la vita degli internauti con il loro algoritmo di indicizzazione delle pagine web basato sulla Teoria delle Reti che “pesa” le pagine secondo il numero di link in cui vengono citate. I motori di ricerca dei tempi che furono si chiamavano Altavista e Yahoo (l’unico che è riuscito a tenere botta a BigG) ed erano semplici raccolte di link suddivisi per aree tematiche.

Sebbene la società sia stata fondata il 4 settembre 1998 (il motore di ricerca era nato un anno prima il 15 settembre del 1997), Google dal 2005 festeggia il proprio compleanno il 27 settembre, in ricordo di quando nel lontano 1998 fu registrato il record di pagine indicizzate.

Al giorno d’oggi si fa fatica a pensare alla nostra vita in rete senza i servizi offerti da Google che miliardi di persone utilizzano tutti i giorni.

Carina la barra strumenti natalizia del motore di ricerca di Google

Non ho idea se è una novità dell’ultim’ora eppure mi suonerebbe strano non essermi accorto fino ad ora della novità nella pagina dei risultati del motore di ricerca di Google.

Il tema natalizio ha contagiato anche i ragazzi di Mountain View e un’animazione con tanto di abeti, neve che scende e slitta di Babbo Natale  campeggiano nella pagina dei risultati quando si ricercano contenuti relativi alla parola Natale (ma funziona anche con l’inglese Christmas, il francese Noel, ecc…):

barra_google

E’ arrivato Mega-search

Il progetto di Kim Dotcom di riportare Megaupload ai vecchi fasti dopo le traversie legali è decollato giusto qualche giorno fa che è nato un sito d’indicizzazione dei link ai file che consente di scaricare contenuti illegali in modo rapido e veloce.

mega-search

Il sito è mega-search.me e pare sia opera di uno sconosciuto “filantropo” francese. E’ sufficiente un clic e si scarica a piena banda: non serve nemmeno essere registrati a Mega né digitare alcuna password per aprire il contenuto.

Davvero notevole non dipendere da upload di altri o fare la fila per il proprio turno come avviene per blasonati servizi di file sharing. Utile infine il sistema di rating, una sorta di «mi piace» o non «mi piace» che consente di comunicare alla community se il file è di qualità oppure no, più un contatore del numero dei download.

Zerg Rush, il nuovo easter egg di Google

 

Quei matacchioni dei ragazzi di MountainView sono sempre in vena di nuove trovate e hanno da poco  introdotto sulla pagina principale del proprio motore di ricerca un nuovo easter egg un piccolo scherzo che, al pari della “nevicata” dello scorso Natale (“let it snow“), trasforma la query in una parola magica in grado di scatenare una animazione dinamica sulla pagina di ricerca di Google.

Per provare dal vivo è sufficiente digitare “zerg rush” sul modulo di ricerca del motore. Come ben sapranno gli appassionati di videogiochi, si tratta di una strategia offensiva adottata all’interno del gioco Starcraft, in cui è presente una razza denominata appunto Zerg. Nell’animazione proposta da Google una serie di O puliscono lo schermo delle parole formando alla fine due G.

Google celebra la scoperta del fullurene

Continuano le sorprese di Google che con il suo doodle (il logotipo che appare al centro della pagina del motore di ricerca) festeggia oggi, con una rappresentazione interattiva,  il 25° anniversario della scoperta del fullurene.

Non capita molto spesso di vedere un doodle interattivo. I ragazzi di Mountain View, come era già successo in occasione del logo realizzato in onore di PAC-MAN hanno scelto di animare il proprio logo: la seconda “o” di google rappresenta un buckyball (così viene detta la molecola del fullurene per la sua forma sferica) che si muove al passare del puntatore del mouse.

Se vi state chiedendo cosa mai ci sarà da commemorare in una molecola scoperta nel 1985 Continua a leggere

Google cambia look

Dopo un periodo di prova, adesso la pagina di del motore di ricerca più utilizzato al mondo cambia definitivamente look.

Come annunciato ufficialmente nel blog di Google Italia è cambiato il logo (adesso più luminoso e attuale) ma sopratutto è stata semplificata la fruizione delle proprie ricerche.

Continua a leggere

MIDOMI.COM ti aiuta a trovare il titoli delle canzoni

Quante volte vi è capitato di avere un motivetto in testa e non riuscire a ricordare il titolo della canzone? Per venirne a capo occorreva l’aiuto dell’amico saputello. Invece adesso è il web 2.0 a darci una mano. Esiste un vero e proprio motore di ricerca della musica, in grado di riconoscere le canzoni che canticchiamo. E’ sufficiente entrare nel sito di midomi, cliccare “Click and Sing or Hum” (occorre consentire l’accesso all’applicazione scritta in FLASH), quindi cantare o mugolare il motivetto (per almeno dieci secondi) e il gioco è fatto. E’ anche possibile effettuare ricerche a partire da spezzoni di testo. Il servizio funziona veramente: l’ho provato io stesso e sono rimasto esterrefatto (io sono completamente stonato!!!). Continua a leggere

BING & TWITTER: un bel passo avanti

bingSembra proprio che per ora Microsoft Bing stia lavorando bene. Secondo gli ultimi rilevamenti di StatCounter, il nuovo motore di ricerca ha conquistato negli Stati Uniti una share dell’8,23% – quasi un punto percentuale in più rispetto al vecchio Live Search. Google a giugno ha perso leggermente, passando dal 78,72% al 78,48%; Yahoo, invece, ha raggiunto l’11,04%.

Tra le innovazioni che più hanno colpito il CITTADINO IMPERFETTO è quella di indicizzare i messaggi di Twitter. Da mercoledì scorso, infatti, gli utenti hanno rilevato, fra i risultati di alcune query, i testi di noti blogger e celebrità online che fanno un  abbondante uso di Twitter. Si tratta ancora di “poche migliaia di persone, selezionate in relazione al numero di lettori e il volume di messaggi lasciati (tweets)” ma è indubbio che Microsoft ha deciso di proporli soprattutto per anticipare gli avversari e diventare sempre più appetibile.

BING è arrivato

bing

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: