Stasera tutti con il naso all’insù per la Luna blu (che non è blu)

Stasera dalle 20.19 la seconda Luna piena del mese, ma contrariamente alle bufale che circolano in rete il colore sarà quello di sempre.

proxy

In realtà quello di stasera è un fenomeno chiamato “blue moon” dagli astronomi per definirne l’eccezionalità in quanto si tratta della seconda luna piena del mese, dopo quella del 2 luglio: un fenomeno astronomico piuttosto raro, che si verifica all’incirca ogni tre anni.

La traduzione letterale in Luna Blu ha fatto nascere in queste ore molte bufale che vorrebbero per stasera la luna colorata di blu cosa scientificamente possibile solo in presenza di un eccezionale quantitativo di polveri disperse nell’aria che agisce come una sorta di filtro come è accaduto nel 1883, in occasione dell’eruzione del vulcano Krakatoa, in Indonesia.

Le immagini della luna blu che girano e gireranno in rete sono in realtà opera di bontemponi che si sono divertiti con Photoshop. A dimostrazione che troppo spesso le informazioni che si possono ricavare da internet non sempre sono affidabili.

La Cina è sbarcata sulla Luna

luna_cina

La Cina è sbarcata sulla Luna. La sonda Chang’e-3 – “Coniglio di giada” – ha toccato il suolo lunare alle 14.11 (ora italiana) appoggiando le sue quattro gambe molleggiate nella vasta pianura del Sinur Iridum, il fondo basaltico di un grande cratere nell’emisfero settentrionale. Dopo Russia e Stati Uniti, la Cina è il terzo paese a compiere un allunaggio morbido.

CHINA-SCIENCE-SPACE-MOON

E’ morto Neil Armstrong, il primo uomo sulla luna

L’ex astronauta aveva 82 anni.

Nel luglio del 1969 condusse la missione di allunaggio dell’Apollo 11. Nella storia le sue parole: “E’ un piccolo passo per l’uomo, ma è un grande passo per l’umanità”.

 

Fatali per il comandante della missione Apollo 11 le ”complicazioni post operatorie” dopo un intervento di by-pass coronarico, a cui si era sottoposto all’inizio del mese.

Perigeo lunare, la Luna appare più grande e luminosa

Questa notte la Luna si troverà a soli 356.577 chilometri dalla Terr (la distanza media durante l’anno e pari a 382.900 chilometri): è il cosiddetto perigeo lunare. Non accadeva da 18 anni e in tale occasione la Luna si mostrerà ai nostri occhi più grande del 14%.

Secondo gli scienziati gli effetti di una tale vicinanza saranno impercettibili per il nostro pianeta, così come accadrà il prossimo 12 ottobre quando la Luna raggiungerà l’apogeo, ovvero la massima distanza (432.757 chilometri) con la Terra .

Sperando che il cielo non sia velato, la Nasa consiglia di osservare la Luna quando è vicina all’orizzonte e di guardarla attraverso un oggetto in primo piano (es. un albero). Lo spettacolo è assicurato: quindi tutti con gli occhi all’insù a godersi la Superluna piena!!!

CLASSIC ON AIR: “Luna” – Gianni Togni

Ci sono giornate in cui ti rendi conto di quanto è sbagliato rincorrere le persone che non ti meritano.

No. Non ti amo.
Non ti ho mai amata.
Perché sei una fottuta egoista,
pensi solo a te stessa.
Ogni volta che qualcosa ti va storto
ti ammutolisci e non mi parli più.
Neanche fosse colpa mia
il fatto che tu hai un carattere di merda.
Non hai scuse.
Amarti è impossibile.
Mettitelo in quella testina e togliti dai piedi.

… e in quel momento, entrando in un teatro vuoto, un pomeriggio vestito di bianco, mi tolgo la giacca, accendo le luci e sul palco m’invento…, è il secondo album di Gianni Togni, del 1980, contenente il successo Luna. Continua a leggere

Due asteroidi «sfiorano» la Terra

Due oggetti di diametro tra i 15 e i 20 metri: il più vicino passa a 77 mila chilometri, l’altro a 231 mila hanno sfiorato oggi la Terra.

La notizia non ci impressiona affatto. Riusciamo a convivere con indifferenza ad eventi forse più tragici che capitano a qualche Km da casa nostra, che volete che sia qualche sassolino spaziale tra il nostro vituperato pianeta e la Luna.

La cosa che più dovrebbe farci riflettere è che questi due oggetti celesti sono stati scoperti solo il 5 settembre da un osservatorio americano. Nel giro di tre giorni ce li ritroviamo qui a sfiorare la Terra. Ma dico io, ma gli scienziati ci vanno ogni tanto al cinema o rimangono sempre rinchiusi nei loro laboratori? Da Deep Impact ad Armaggeddon oramai lo sanno anche i bambini… per mandare lassù un Bruce Willis qualsiasi a salvare la pelle a tutti ci vuole tempo e preparazione… in tre giorni non se ne fa niente!

Per questa volta ci è andata bene. Forse dovremmo avere una rete di sorveglianza per eventi del genere un pochino più efficiente: con un preavviso di tre giorni Bruce manco si muove da Holliwood.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: