Google festeggia con un doodle il 41° di Lucy

41st-anniversary-of-the-discovery-of-lucy-5736109501841408-hp

220px-A.afarensisDoodle celebrativo di Google per i 41 anni di Lucy, l’esemplare di Australopithecus afarensis femmina di cui il 23 novembre 1974, i paleontologi Yves Coppens, Donald Johanson, Maurice Taïeb e Tom Gray rinvennero i resti in Etiopia.

Vissuta circa 3,2 milioni di anni fa (Piacenziano) e dall’età approssimativa di 25 anni la chiamarono Lucy, in onore della canzone Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles, mentre in amarico è nota come Dinqinesh, che significa “Tu sei meravigliosa”.

Nel doodle dinamico il logo dei ragazzi di Mountain View è “scolpito” nella pietra in stile preistorico e alcune lettere sono trasformate in scimmia, in un uomo e in Lucy per l’appunto che viene considerata la più antica antenata nell’evoluzione della specie umana, anello di congiunzione tra la scimmia e l’uomo.

Recensione del film Lucy

Lucy

Lucy_Poster_USA_midSono andato al cinema a vedere questo film con tante e tante aspettative. D’altronde il regista della pellicola è il francese Luc Besson che nelle tinte “fantascientifiche” mi era piaciuto come aveva girato quel floppone del Quinto Elemento (1997) e la protagonista, “donna d’azione”, è la stupendevole Scarlett Johansson la cui silhuette ho ancora ben impressa nella mente dalla visione di Under the Skin (2013).

[SPOILER] Lucy è una ragazza americana che vive a Taipei, non sappiamo bene cosa ci faccia lì, ma intuiamo da un flash back che da qualche tempo se la spassa a sbevazzare con l’amico Richard che la costringe a consegnare una valigetta in un albergo. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: