[TUTORIAL] Gestione via browser dell’upload dei file sugli ebook reader

Può capitare di dover caricare un ebook reperito in rete sul proprio ebook-reader e questo è il mio modo per gestire il problema.

Banalmente è possibile uplodare un file collegando il dispositivo tramite la porta Usb al computer, ma non sempre si ha sottomano il cavetto giusto… o magari si è a letto con l’improvvisa voglia di iniziare a leggere il libro che si è trovato qualche giorno prima…
IT saves my lazyness!

Il Kindle come il Kobo e pure altri ebook-reader, forniscono da sempre un browser talmente scarno che in realtà nessuno si guarda bene da utilizzare, ma è a parer mio, la via più semplice per caricarci sopra gli ebook. Poi per rendere più sicura e veloce la procedura, da qualche tempo mi sono creato un servizio cloud privato sul mio Raspberry Pi.

Ho installato e configurato un server LAMP, quindi ho pubblicato una cartella in cui salvare gli ebook che trovo in rete. Tramite un paio di script PHP viene creata la pagina Web tramite la quale si accede alle risorse via browser. La sicurezza è garantita dal fatto che il webserver è raggiungibile al momento solo dalla mia rete domestica.

Le istruzioni per installare correttamente Apache2 e PHP sul Raspberry Pi si trovano facilmente in rete, ecco invece di seguito il file index.php che:

  • elenca, se ce ne sono, tutti i file (nel mio caso i .mobi ovvero gli ebook) presenti nella cartella /libri;
  • ogni ebook è visualizzato tramite link pronto per il download;
  • presenta il pulsante per la ‘pulizia’ della cartella;
  • la funzione ‘grassetto’ serve solo per ingentilire la pagina web.

Ecco come si presenta la pagina richiamata nel browser: Una volta scaricati i file è possibile fare pulizia tramite il pulsante “Delete All Mobi” che esegui lo script delete.php:

 

  • elimina tutti i file .mobi presenti nella cartella /libri;
  • viene mostrato il conteggio dei file processati.

Ecco come si presenta la pagina richiamata nel browser:

 

Kindle compie 5 anni

Nel novembre del 2007 il Kindle l’ebook reader prodotto da Amazon.com iniziava ad invadere il mercato dapprima americano poi mondiale grazie alla tecnologia e-ink e un’aggressiva politica dei prezzi ha portato il libro elettronico dapprima a rivaleggiare quindi a superare i libri cartacei.

A distanza di qualche mese dal lancio ufficiale avvenuto il 19 novembre 2007 ricordo che, avuta l’occasione di tenere in mano un Kindle per un paio di giorni, l’avevo giudicato niente più che un bel giocattolo costoso (allora 399 dollari): ci si rendeva conto conto di avere a che fare con il futuro dell’editoria, ma i più erano restii ad abbandonare il fruscio della carta. Alla fine personalmente ho capitolato e oggi sono un agguerrito lettore elettronico grazie al mio inseparabile Kindle Touch.

Se è vero che oggi il mercato offre e-reader di tutte le marche e di tutti i prezzi con un occhio ai tablet (con in cima, l’iPad) il Kindle rimane imbattibile perché non solo nasce per i lettori, con l’obiettivo specifico di rendere la lettura confortevole e dare l’accesso ad un’immensa libreria di titoli, ma perché in tutti questi anni l’Amazon ha cercato di restare al passo con i tempi, innovando il prodotto senza mai snaturarlo.

Dal Kindle della prima generazione step-by-step siamo arrivati all’odierno modello Paperwithe dotato di schermo touch ad alta risoluzione e-ink, connessioni USB, 3G e WiFi e luce integrata, presto anche in Italia il tutto per 129 euro. 

Desideri: Kindle Paperwithe

Durante la presentazioni di ieri l’americana Amazon ha fatto il punto sui nuovi prodotti di punta di prossima uscita.
Tra i clamori del Kindle Fire che finalmente arriverà anche in Italia anche nel nuovo formato HD ha fatto un certo scalpore tra gli appassionati di ebook della prossima uscita del nuovo modello di ereader.

Si chiamerà Kindle Paperwithe, uscirà il 1 ottobre e porterà una serie di innovazioni su un prodotto come il Kindle Touch che ha già prestazioni di tutto rispetto: unica nota dolente è che al momento non è previsto l’arrivo in Italia (molto probabilmente chi è come il sottoscritto interessato al prodotto dovrà trovare canali paralleli come ai tempi del Touch arrivato nel nostro paese con mesi e mesi di ritardo).

Ma veniamo agli aspetti tecnici. Il Paperwhite è Continua a leggere

Kindle Touch vs. WIFI

Nel senso che inspiegabilmente il vostro Kindle Touch smette improvvisamente di collegarsi al wifi. Cioè la cosa ha davvero dell’incredibile: un attimo prima tutto funziona, un attimo dopo non ne vuole più sapere di riconoscere il vostro network wireless.
Stanchi e avviliti dopo l’ennesima immissione della password (che è quella giusta, ma proprio non gli piace), prima che vi arrendiate sbattendo l’amato device contro il muro (pensateci bene: in fondo in fondo il Wifi lo usate davvero pochino e per far arrivare dagli States un altro giocattolino significa qualche settimana d’astinenza dalla lettura digitale), provate a fare così: Continua a leggere

Amazon rilascia gratuitamente Send to Kindle

Buone notizie per tutti i possessori dei popolari device Kindle di Amazon.

Al fine di facilitare e velocizzare il trasferimento di ebook e documenti vari dal pc di casa al proprio Kindle, Amazon, ha reso disponibile da poco un interessante applicazione (al momento solo per S.O.Windows) denominata Send to Kindle.

Il software gratuito una volta installato Continua a leggere

G.F. (Italian Edition) [Kindle Edition]

L’ultima fatica di R.C.WAYNE per le Edizioni Strane Storie è ora disponibile sotto forma di ebook sul portale di Amazon.
La storia di G.F. si svolge in periferia, ai margini della nostra società, senza i clamori delle notizie raccontate alla televisione, senza i colori del nostro mondo. Non si può che parteggiare per il protagonista che vive il suo tempo senza essere coinvolto dalle speranze e dalle delusioni di quella gente frenetica che gli passa indifferente accanto. Solo quando suo malgrado s’innamorerà si renderà conto della sua solitudine e di quanto inutile sia tutta la frenesia della gente normale.

Schermo iPad Vs. Schermo Kindle

Nell’immagine in alto il risultato di un test da laboratorio (ingrandimento 400x) che fa notare la differenza tra uno schermo LCD (a sinistra di un iPad) e uno schermo E-ink (a destra quello di un Kindle).

Con l’iPad di Apple si può navigare, vedere film, leggere la posta o giocare ai videogame, ma se avete intenzione di utilizzarlo per leggere un eBook meglio un eReader come il Kindle di Amazon.

Via [bit-101]

Desideri: mettere le mani sopra un Kindle 3

Nei giorni scorsi abbiamo appreso di come negli States (ma anche da noi, vedrete) sia scoppiata la mania degli ereader. Prima oggetti strani nelle mani di pochissimi pionieri geek, oggi tutti vogliono godersi il vantaggio di tenere tra la mani un’intera biblioteca. Lasciamo perdere le polemiche sui costi degli ebook, se cambieranno i libri dovrà per forza cambiare anche l’industria editoriale, se ormai è questa la via intrapresa non sarò certo io a tirarmi indietro.

L’uscita di Amazon con la sua ultima creatura in prevendita (il Kindle Wireles Device, Free 3G + Wi-fi, 6″, graphite) Continua a leggere

Ebook gratis

E’ fuori dubbio che negli ultimi mesi la progressiva diffusione degli e-readers, a partire dal Kindle di Amazon fino all’ultimo Ipad di Apple ha fatto aumentare la richiesta di libri in formato digitale. Se da una parte vediamo che il progresso tecnologico è inarrestabile (è prevista per la fine di quest’anno la nuova versione della tecnologia e-ink in grado di garantire una ancor maggiore velocità e contrasto), dobbiamo purtroppo constatare che a livello editoriale la strada è ancora lunga con due colossi sullo sfondo, Amazon e Apple, che si fanno la guerra (sembra a scapito dei lettori).

Segnaliamo oggi tre siti che sono fonte di libri di qualità:  Continua a leggere

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: