Cloud storage per Kindle Paperwhite 2 con Box.com

Il cloud storage che Amazon mette a disposizione dei clienti è sicuramente un punto di forza degli ereader Kindle. In maniera semplice ed ordinata viene messa a disposizione una libreria pressoché infinita dalla quale è possibile acquistare dli ebook di nostro interesse mettendoli automaticamente a disposizione dei nostri vari dispositivi che siano il Kindle piuttosto che il tablet/pc o lo smartphone in maniera tale da avere sempre sottomano i propri libri.

kindle-paperwhite-panoramica

Purtroppo accanto agli ebook ufficiali di Amazon c’è chi vuole accedere dal proprio Kindle ai propri documenti e agli ebook DRM free reperiti in rete. Se è pur vero che esiste la possibilità di “inviarli” all’indirizzo email del proprio dispositivo per trovarseli automaticamente digitalizzati da Amazon nel proprio cloud storage (che verranno visti come documenti personali e non come libri), personalmente trovo questa soluzione, così come quella di utilizzare App specifiche per l’invio al Kindle, per niente pratica e non del tutto soddisfacente.

Già possessore di un Kindle Touch e da qualche mese passato al più performante Kindle Paperwhite 2 (2014), ho cercato in rete una soluzione adatta alle mie esigenze.

calibreUtilizzando un software come Calibre per la manutenzione della mia libreria elettronica e per la codifica nel formato .MOBI o .AZW3 degli ebook ci sono diversi modi per poter inviare i ns. ebook al Kindle, che possiamo suddividere in due categorie (Wired e Wireless):

  • (metodo wired) collegando il dispositivo via USB;
  • (metodo wireless) utilizzando la funzione d’invio via email;
  • (metodo wireless) utilizzando un cloud esterno (google drive, dropbox, box.com).

Non trovando per niente comodo il dover collegare il Kindle al PC Continua a leggere

Unbriking Kindle Touch for dummies (in italiano)

Colpa di smanettamenti vari, può capitare di ritrovarsi in mano un Kindle Touchprivo di vita” (in gergo si dice brickato, nel senso che da quel momento in avanti si ha a che fare con un mattone) che non ne vuole più sapere di fare il suo dovere e lasciarci leggere la fine dell’ultimo libro di Grisham.

kindle-touch-boot-image

Nel mio caso dopo il rilascio da parte di Amazon del nuovo firmware ver. 5.3.2 che non voleva istallarsi sul mio Kindle jailbreackato sono impazzito con smanettamenti vari con il risultato di non riuscire più ad accenderlo fissato sull’immagine di un pirla seduto sotto un albero a leggere!!!

Niente paura il web è ricco di risorse e cercando in giro una soluzione si trova – quasi – sempre… Di tutorial di unbricking ne ho trovati alcuni (tipo questo), purtroppo tutti in inglese e spesso lacunosi. Con buona volontà mi ci sono messo dietro e scaricati i file necessari e venuto a capo di come far funzionare il relativo driver con Windows 7 e Windows 8 sono riuscito a riportare alla vita il mio Kindle Touch!!!

zio_samDISCLAMER: esistono vari metodi e approcci all’unbricking (che sono in continua evoluzione), pertanto è sempre meglio dare un’occhiata in giro per capire che cosa si sta facendo e qual è la migliore soluzione al proprio caso, per non rischiare di ritrovarsi in mano un brick irrecuperabile!!!  La responsabilità è tutta vostra…

Qui vi espongo quello da me utilizzato per il mio device: in parole povere si è trattato di mettere il Kindle in modalità USB Recovery mode quindi si impostano i canali di comunicazione con il device in maniera tale da potergli copiare e quindi installare via ssh immagini del kernel e del software reperite sul web, si riavvia con le dita incrociate e il gioco è fatto.

Di seguito, in pratica ecco come procedere. Continua a leggere

E’ disponibile il nuovo firmware per Kindle Touch (5.3.2)

Touch_J3E’ disponibile da qualche giorno sul sito di Amazon il nuovo firmware per il Kindle Touch che promette le funzionalità software del Paperwhite.

Ecco le principali innovazioni:

  • Una nuova interfaccia dinamica e intuitiva
  • Parental Control
  • Visualizzazione copertina
  • Avanzamento di lettura
  • Contenuti suggeriti
  • Passaggio dall’estratto all’eBook più fluido
  • Miglioramenti per la lettura di romanzi grafici e fumetti

KINDLE TOUCH FREEDOM (parte 1)

Il jailbreak del Kindle Touch esiste da diversi mesi grazie all’intuizione di un certo Yfan Lu e diciamo che al momento il rischio vale effettivamente la candela visto che ormai esiste una pletora di applicazioni utili a migliorare l’utilizzo del lettore.

Innanzitutto un avvertimento e qualche precisazione.
Eseguire il jailbreak di qualsiasi dispositivo può comportare problemi di funzionamento del dispositivo (brick più o meno irrecuperabili) e comunque comporta il decadere della garanzia da parte del produttore (a questo si può ovviare con opportune procedure di unjailbreak). Infine per chi avesse il dubbio se sia legale o meno procedere con la modifica del firmware del proprio dispositivo, sappiate che la procedura di per sé  è perfettamente legale (ovviamente non è lecito scaricare illegalmente applicazioni, libri e altri contenuti multimediali).
Il consiglio è di lasciar perdere se non si ha l’opportuna dimestichezza con simili procedure o quantomeno se non si è effettivamente interessati ad ottenere il totale controllo del vostro Kindle Touch per poter installare applicazioni di terze parti altrimenti non disponibili.
Se comunque deciderete di procedere con il jailbreak del vostro Kindle Touch è chiaro che lo farete a vostro rischio e pericolo.

Quanto andrete a leggere è quanto da me personalmente sperimentato sul mio Kindle Touch arrivato dritto dritto dall’America lo scorso anno con tanto di opzione Special Offers (ovvero degli screensaver pubblicitari per i quali Amazon regala uno sconto sul device di 20 dollari circa).
La procedura l’ho imparata dal sito wiki.mobileread.com (una miniera di informazioni tecniche per gli appassionati) preferendo il  metodo denominato universal data.tar.gz a quello del jailbreak-MP3 (in quanto il mio firmware superiore alla versione 5.0.1).
Il jailbreak non andrà ad influire sul contenuto del vostro lettore (quindi nessuna paura per i vostri ebook!!!).

Di seguito le istruzioni tradotte in italiano: Continua a leggere

Kindle Touch: è disponibile il firmware ver. 5.1.0

Dopo aver visto l’arrivo di Kindle Touch su Amazion Italia nella versione Wifi e Wifi+3G ecco arrivare un importante update del firmware che porta interessanti migliorie.

L’update per il Kindle Touch porta la firmware alla versione 5.1.0 il cui interessantissimo changelog prevede:

  1. supporto della lingua italiana,tedesco, francese, spagnolo e portoghese;
  2. miglioramente del Wifi (con funzionalità WPS);
  3. migliorata la condivisione su Facebook e Twitter;
  4. Kindle Format 8, migliora l’usabilità del Kindle Touch durante la lettura;
  5. modalità LANDSCAPE;
  6. Traduzione istantanea tramite Bing.

La pagina ufficiale di Amazon la trovate qui.
Il link diretto al download del firmware 5.1.0 lo trovate qui.

P.S.:  dopo l’upgrade finalmente riesco ad accedere senza problemi allo store italiano anche con il mio apparecchio acquistato negli Stati Uniti!!!

Kindle, finalmente arriva in Italia il Touch

A quattro mesi dal lancio americano, debutta anche in Italia Kindle Touch, il modello equipaggiato con display touch del popolarissimo ebook-reader di Amazon.

Su Amazon.it è possibile già preordinare i modelli WiFi e WiFi+3G, rispettivamente, per 129 e 189 euro.
Le prime consegne saranno effettuate il 27 aprile.

Così come il suo predecessore privo di touch screen, il Kindle Touch dispone di un display da 6 pollici che sfrutta i vantaggi della tecnologia e-ink e di una batteria molto longeva che assicura un’autonomia massima di 2 mesi al dispositivo. Il peso è pari a 213g per il modello WiFi e 220g per quello con supporto 3G.

Kindle Touch vs. WIFI

Nel senso che inspiegabilmente il vostro Kindle Touch smette improvvisamente di collegarsi al wifi. Cioè la cosa ha davvero dell’incredibile: un attimo prima tutto funziona, un attimo dopo non ne vuole più sapere di riconoscere il vostro network wireless.
Stanchi e avviliti dopo l’ennesima immissione della password (che è quella giusta, ma proprio non gli piace), prima che vi arrendiate sbattendo l’amato device contro il muro (pensateci bene: in fondo in fondo il Wifi lo usate davvero pochino e per far arrivare dagli States un altro giocattolino significa qualche settimana d’astinenza dalla lettura digitale), provate a fare così: Continua a leggere

Cose che NON puoi fare con un libro a stampa (ma con un ebook sì)

Da nostalgico lettore di carta stampata che non avrebbe mai pensato di sostituire il fruscio delle pagine di un libro con un asettico ereader a felice possessore di un Kindle Touch di casa Amazon. La trasformazione si è ormai compiuta perchè sono tante le cose NON puoi fare con un libro a stampa, ma con un ebook sì:

– Portarti nello zaino un migliaio di libri senza sentirne il peso;

– Ingrandire i caratteri della pagina per leggere senza difficoltà;

– Comprare un libro con un semplice click e iniziare subito a leggerlo;

– Sentirsi dire: «Spegni il libro, è ora di cena»;

– Consultare un dizionario sfiorando il termine che non conosci;

– Far leggere il testo comodamente dalla voce del text-to-speech;

– Rileggere un vecchio libro senza soffocare per la polvere;

– Non perdere ore per trovare un libro;

– Segnare dove siamo arrivati senza prendere un segnalibro ridicolo;

– Leggere un blog su internet;

– Consultare la posta elettronica;

– Dimenticarsi di mettere in carica il libro.

Inaugurato il nuovo Kindle Touch con “Le sabbie di Marte” di Arthur C.Clarke

E’ arrivato! E’ arrivato!
Giusto, giusto per l’epifania è arrivato il Kindle Touch direttamente dall’Amazon.com. Dopo aver girato mezzo mondo (e visto che  Mr. Jeff Bezos non si decide ancora di commercializzarlo in Europa,  importato dagli Stati Uniti grazie al servizio di consegnato.com) il giocattolino fresco fresco di unboxing (e in attesa di jailbreak) è stato riempito con Calibre di un po’ di ebook  che avevo preparato alla bisogna.

Ma adesso cosa mi leggo?
Per non correre il rischio di iniziare una ventina di libri contemporaneamente (sebbene ritengo sia inevitabile che prima o poi succeda) e di apprezzare al meglio l’esperienza di lettura sul Kindle Touch ho deciso di inaugurarlo con la lettura di “Le sabbie di Marte” di Arthur C.Clarke direttamente dal primo numero della collana Urania apparso in Italia il 10 otobre 1952.

Il perché di questa scelta è presto detto.
Non sarà questa certo  l’opera più importante di Clarke, all’altezza de “La città e le stelle” ma ho pensato che non c’è di meglio che leggere di viaggi interspaziali, extraterrestri, terraformazione di Marte, in un racconto incredibilmente anticipatorio (alla Jules Verne con “Dalla Terra alla Luna“, per intenderci) scritto decenni prima che l’uomo fosse in grado di viaggiare nello spazio, con una visione così chiara del futuro da sembrare scritto l’altro ieri quando le sonde dell’uomo hanno conquistato la superficie del pianeta rosso,  niente di meglio di una storia “avveneristica” per inaugurare quello che è lo strumento che sta rivoluzionando il nostro vecchio modo di leggere risalente all’invenzione della della stampa a caratteri mobili di Gutemberg del 1455.

Anche il Kindle Touch ha il suo jailbreak

Mentre sono in attesa con una certa impazienza che il Kindle Touch di Amazon.com mi venga consegnato direttamente dagli States, apprendo con una certa soddisfazione che anche per il mondo Kindle esiste una pletora di buonanime che si di danno da fare a sbloccare questi device con un jailbreak.

Grazie a Yfan Lu non solo l’iPhone e il Windows Phone, ma anche il Kindle Touch, l’edizione con display touch degli e-reader del colosso delle vendite online americano, ha il proprio jailbreak.

A leggere l’articolo dell’hacker il tutto può essere eseguito in maniera molto semplice, avviando un apposito brano MP3 contenente all’interno dei metatag ID3 il codice utile per eseguire la procedura di sblocco, sfruttando alcuni elementi del sistema operativo della relativa interfaccia grafica voluti da Amazon per questo modello in HTML5 e Javascript.

Al momento il jailbreak non fornisce risultati particolarmente interessanti, essendo ben poche le operazioni che è possibile eseguire a valle di tale procedura. Lo sblocco in questione apre tuttavia le porte ad un’ondata di nuove funzionalità non ufficiali che nel corso dei prossimi mesi potrebbero far capolino sull’e-reader targato Amazon, con la possibilità di veder nascere un vero e proprio store di applicazioni alternative dedicate a tale dispositivo.

Via / Gizmodo

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: