Italia-Paraguay 1-1

Italia solo pari, l’inizio è in salita: Sotto una pioggia battente la squadra di Lippi soffre. Apre Alcaraz al 39′ per i sudamericani. Buffon esce: c’è Marchetti. Nel secondo tempo pareggia De Rossi al 63′.


Tempi moderni alla FIAT mentre aspetto la partita

La birra è in frigo e le patatine sono croccanti, gli amici stanno per arrivare: tutto è a posto. Mentre aspetto come milioni di italiani di guardare la Nazionale in televisione a cantare Fratelli d’Italia per legge (vedi proposta di La Russa), ascolto tra le varie notizie trasmesse al telegiornale di raiuno dello schifo che sta succedendo dalle parti di Pomigliano d’Arco. Ovviamente questa notizia viene dopo la presentazione della partita con il Paraguay e anche dopo il servizio di colore (ops!) con le interviste ai tifosi in Sud Africa e a quelli che si ritroveranno stasera a Milano e a Roma davanti ai maxischermi. Poi sento uno che parla della legge sulle intercettazioni. Passano minuti e minuti ed infine la notizia!

Mi fermo un attimo anch’io e messa da parte la frenesia prepartita mi metto a pensare alle cinquemila famiglie (almeno quindicimila se contiamo l’indotto) che stasera magari passeranno anche loro una bella serata a tifare l’Italia di Lippi, ma con l’amarezza di essere abbandonati dal resto del paese. Se ne stanno lì a lottare per il loro posto di lavoro e mi sa che un po’ lottano pure per il mio.  E’ davvero inquietante il concetto di lavoro che viene proposto dalla Fiat, spalleggiata dal Governo e naturalmente da Confindustria. Per salvare il posto di lavoro occorrerebbe buttare alle ortiche quanto duramente ottenuto in decenni e decenni di lotta sindacale, quanto sancito dalla nostra carta costituzionale, altrimenti bye bye, tutti in Cina… Che qualcuno ricordi al Marchionne che la Fiat è più dei suoi operai che dei suoi azionisti. Che gli facciano vedere come la baracca che adesso porta sui mercati globali annaspasse negli anni ottanta e novanta e di come le tasse dei lavoratori (non certo ai soldi degli Agnelli) l’hanno salvata.

Forza FIOM, non mollate! SENZA DIRITTI SIAMO SOLO SCHIAVI!

Ma adesso basta con le ciance, inizia la partita. Per fortuna io ho una Peugeot!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: