Seriamente. Ma quanto è difficile scrivere il software di una sveglia?

Scusateci. Ma alla fine non ce l’abbiamo fatta a starcene zitti… (oramai sembra di sparare sulla Croce Rossa):

Riassumiamo la sveglia dello smartphone gioellino (giusto per il costo) della Apple non funziona da un paio di giorni (per la precisione dal 1 gennaio) Da una parte l’entourage di Steve Jobs che negli ultimi giorni ha tenuto a far sapere che dal 3 gennaio il problema si sarebbe auto-risolto… (magia dell’informatica, he he). Dall’altra le soluzione fai-da-te (tipo cancellare la suoneria dall’iPhone).

Quindi a conti fatti con iPhone ci puoi giocare, navigare, fare foto e video, ma le telefonate certe volte cadono (colpa dell’antenna-gate) e se punti la sveglia rischi di non svegliarti. Se per essere trendy siete obbligati ad acquistare il gioellino di casa Cupertino, suggeriamo di acquistare insieme all’iPhone, un telefonino da 30 euri per telefonare e una sveglia a carica manuale da 5 euro per non far tardi al lavoro. Inutile sperare che quelli di Apple sistemino la cosa con un aggiornamento… (il problema della sveglia era già capitato qualche mese fa!).

Presentato a San Francisco l’iPad

E finalmente è arrivato il gran giorno della presentazione dell’ultima creazione della fervida mente di Steve Jobs: l’IPAD il nuovo tablet pc targato Apple. Molto simile a un Iphone sotto steroidi è stato presentato come un dispositivo migliore di un portatile e migliore di un telefono. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: