Inter-Juventus 1-1

inter-juventusQuanti nerazzurri avrebbero scommesso di poter trascorrere un sabato sera orgogliosi per la propria squadra in occasione del derby d’Italia? Alla fine è parsa la Juventus a temere la sconfitta che l’inter la vittoria. A San Siro si sono visti tutti i limiti dell’Inter, ma sopratutto le qualità che hanno consentito di tenere testa alla Juventus, addirittura andando in vantaggio per poi farsi riprendere dopo soli due minuti.

Primo tempo assolutamente piatto. E’ nel secondo tempo che le squadre si aprono di più e offrono spettacolo, con sgroppate da una parte all’altra del campo che se non si tramutano in occasioni da gol è solo per l’accortezza degli schemi di gioco approntati dai due bravi allenatori. A poco più di venti minuti dal termine entra Icardi per il convincente Taider. In molti si chiedono che cosa abbia in mente Mazzarri, ma da lì a qualche minuto è proprio l’argentino a segnare il primo gol della partitai. Per l’Inter nemmeno il tempo di esultare pregustando una vittoria da leccarsi i baffi che arriva il pareggio della Juventus con una cannonata di Vidal.

Pareggio che non dovrebbe scontentare nessuno. Si sono messi ben in evidenza anche Campagnaro e Taider con una partita senza errori e pregevoli tocchi di palla e interdizioni. Peccato non aver potuto assistere all’esordio stagionale del principe Milito, ma forse è anche giusto così. La mano di Mazzarri si vede eccome, speriamo di crescere ancora…

Inter-Juventus

INTER-JUVENTUS, 23 NERAZZURRI CONVOCATI

Tre portieri, 10 difensori, 6 centrocampisti e 4 attaccanti disponibili per la gara in programma domani allo stadio “Giuseppe Meazza” (ore 18)

mazzarriSono 23 i giocatori convocati da Walter Mazzarri per Inter-Juventus, gara valida per la 3a giornata della serie A TIM 2013/2014 in programma domani allo stadio “Giuseppe Meazza” (ore 18)

Portieri: 1 Samir Handanovic, 12 Luca Castellazzi, 30 Juan Pablo Carrizo;

Difensori: 2 Jonathan, 5 Juan Jesus, 6 Marco Andreolli, 14 Hugo Campagnaro, 18Wallace, 23 Andrea Ranocchia, 25 Walter Samuel, 31 Alvaro Pereira, 35 Rolando, 55 Yuto Nagatomo;

Centrocampisti: 10 Mateo Kovacic, 11 Ricky Alvarez, 13 Fredy Guarin, 17 Zdravko Kuzmanovic, 19 Esteban Cambiasso, 21 Saphir Taider;

Attaccanti: 7 Ishak Belfodil, 8 Rodrigo Palacio, 9 Mauro Icardi, 22 Diego Milito.

Inter-Juventus 1-2

inter-juventus

Non ne posso più. 

La partita non l’ho vista, ma mi hanno detto che i nerazzurri hanno perfino giocato bene. Meritato il pareggio di Palacio, ha pesato lo svarione nei primi minuti della partita punito con il gol di Quagliarella. Contro la “fortuna” dei lanciatissimi bianconeri non ce la si poteva spuntare. L’ha capito San Siro che ha esultato per sei minuti, fino a quando Matri ha riportato in vantaggio la Juventus. L’ha capito anche Cambiasso che espulso nel finale si è poi scusato per il brutto fallaccio su Giovinco. Quest’anno è andata così: bisognerebbe ridurre i danni, ma con la pazza Inter di Stramaccioni non si sa mai dove si va a finire.

inter-juve

Inter-Juventus 1-2

Sob! La Juventus sbanca «San Siro», consolida il primato in classifica e lascia l‘Inter incredibilmente a un passo dalla zona retrocessione.
I nerazzurri partono bene ma prendono gol da Vucinic, poi rimediano con Maicon e vanno ancora sotto subendo il 2-1 di Marchisio.
INTER (4-3-1-2): Castellazzi; Maicon, Lucio, Chivu, Nagatomo; Zanetti, Cambiasso, Obi (dal 19’ s.t. Stankovic); Sneijder (dal 33’ s.t. Alvarez); Pazzini, Zarate (dal 1’ s.t. Castaignos) (Orlandoni, Cordoba, Jonathan, Milito). All Ranieri.
JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Marchisio, Pirlo; Pepe, Vidal (dal 44’ s.t. Pazienza), Vucinic (dl 39’ s.t. Del Piero); Matri (dal 25’ s.t. Estigarribia (Storari, De Ceglie, Elia, Quagliarella). All. Conte.
ARBITRO: Rizzoli (Bologna).
NOTE: ammoniti Bonucci (J), Vidal (J), Chiellini (J), Pepe (J), Pirlo (J) e Chivu (I) per gioco scorretto, Sneijder (I) per proteste. Spettatori: 78.072. Recuperi: 0’ p.t.; 4’ s.t.

Inter-Juventus 0-0

Niente gol ma molte occasioni nel derby d’Italia. I nerazzurri mancano l’aggancio alla Lazio ma raggiungono Milan e Napoli al secondo posto, a quota 11. Partita bella ben giocata da entrambe le squadre, con supremazia territoriale dell’Inter ma con le occasioni migliori per la Juventus (con Krasic e Quagliarella, piu’ un gol annullato a Iaquinta). Torna in campo Milito, per sostituire l’infortunato Biabany.

In attesa di… Inter-Juventus

Domani sera alle 20:45 allo stadio “Giuseppe Meazza” in San Siro a Milano l’Inter di Rafa Benitez incontrerà la Juventus di Delneri.

Il cosiddetto Derby d’Italia si è trasformato negli ultimi anni nella partita dei veleni. Ormai ci siamo abituati prima, durante e nel dopo partita ad assistere alle schermaglie di giocatori e dirigenti che si rinfacciano scudetti rubati dall’una e dall’altra parte.

Sportivamente parlando domani giocheranno due squadre che hanno iniziato diversamente questo scorcio di stagione. Da un lato i nerazzurri forti del primato in classifica e se non fosse per la sfortuna patita a Roma con la sicurezza di una corazzata invincibile a prescindere dei giocatori schierati. Dall’altro lato i bianconeri che con la scusante della rifondazione stentano a trovare le giuste giocate e stasera mica giocheranno contro il Cagliari

Continua a leggere

Inter-Juventus 2-0

Allo stadio Meazza va in scena l’anticipo della 34a giornata di Serie A tra Inter e Juventus. Zaccheroni ripropone il rombo e ritrova Diego, mentre Mourinho si affida al tridente Milito-Eto’o-Pandev, più l’olandese Sneijder.  A sbloccare la gara è la grande rete di Maicon che al 75′ al volo, da fuori area, sfrutta la libertà concessagli dalla difesa della Juventus, e trafigge un incolpevole Buffon. 5 minuti dopo l’Inter sfiora il raddoppio, sempre da calcio piazzato, con Balotelli che colpisce l’incrocio dei pali, da 25 metri. La Juventus cerca il pareggio, ma senza troppa idee, andando vicina al gol solo con la punizione dal limite di Diego, neutralizzata da Julio Cesar. L’Inter trova il 2-0 nel finale con la rete di Eto’o su assist di Muntari.

INTER-JUVENTUS 2-1

INTER (4-3-1-2): Toldo; Maicon, Lucio, Materazzi, Santon; Zanetti, Cambiasso (dal 16’ s.t. Milito), Motta; Sneijder; Pandev (dal 34’ s.t Muntari), Balotelli. (Julio Cesar, Cordoba, Samuel, Quaresma, Arnautovic). All. Mourinho.

JUVENTUS (4-4-1-1): Buffon; Grygera, Cannavaro, Chiellini, Grosso; Candreva, Melo, Sissoko, De Ceglie (dal 45’ s.t Paolucci); Diego; Amauri. (Manninger, Zebina, Legrottaglie, Marrone, Yago, Boniperti). All. Ferrara.

ARBITRO: Damato (Barletta).

NOTE: serata fredda, terreno in buone condizioni. Spettatori 40.000 circa. Ammoniti Maicon (I), Chiellini (J), Melo (J) per gioco scorretto, Cannavaro (J) per c.n.r.. Angoli: 4-4. Recuperi: 1’ p.t.; 4’ s.t.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: