In un mondo migliore non ci sarebbe l’8 marzo

Mi dispiace, ma questa volta ho deciso che mi dissocio. Non voglio cadere nel facile moralismo e nemmeno essere politically correct, quest’anno ho deciso che l’8 marzo farò esattamente quello che da maschio faccio tutti gli altri giorni:

  • mi alzerò presto ringraziando di trovare il caffè già pronto e questo è un dono prezioso;
  • recandomi al lavoro in macchina guarderò i culi delle altre auto evitando apprezzamenti sulle cilindrate e le minigonne;
  • sul posto di lavoro tratterò male chiunque pensi di farmi passare una brutta giornata senza guardare il genere che per quanto mi riguarda i colleghi sono da evitare tutti allo stesso modo;
  • non mi lamenterò con chi mi servirà il pranzo e cercherò di evitare quelle battutine da maschio alpha che vengono spontanee quando si mette mano al portafoglio;
  • a casa laverò i piatti se sarà il mio turno (Dio fa che non mi tocchi passare l’aspirapolvere che è quello che odio di più);
  • la sera guarderò la tv, usando saggiamente il potere del telecomando per saltare programmi e pubblicità che cerca di fregarmi facendomi produrre un po’ di testosterone in più;
  • augurerò buonanotte senza essere incazzato e finalmente inizierò a sognare un mondo dove non occorra ricordarsi una volta l’anno quanto vale l’altra metà del cielo.

[Google – doodle] Non si è donna solo l’8 marzo!

Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non annoia mai. Oriana Fallaci

E’ l’8 marzo e si celebra la Festa della donna, quindi tempo di regalar mimose. Per l’occasione Google pubblica un doodle in cui mostra l’importanza della figura femminile nel passato, nel presente e nel futuro.

[Google – doodle] Festeggiamo l’8 marzo?

Istantanea_2016-03-08_00-00-34

Una delle feste laiche più riconosciute al mondo quella dell’8 marzo, Festa della donna (o meglio Giornata internazionale della donna): un giorno per sottolineare il ruolo delle donne nella società.

Personalmente trovo che aver bisogno di una ricorrenza per celebrare l’importanza della donna in realtà ne sminuisca purtroppo il reale valore, ma fintanto che ci sono tante e tante disparità tra i sessi forse ce n’è bisogno. Ma mi raccomando evitate di donare i rametti di mimosa, piuttosto regalate una rosa, che almeno è profumata.

Bella l’idea del doodle di quest’anno con il quale i ragazzi di Mountain View hanno portato sulla pagina principale di Google, la testimonianza di tante donne di tutti i paesi del mondo.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: