[Google – doodle] E’ la Festa della Mamma

La seconda domenica del mese di maggio è dedicato alla Festa della Mamma così come il doodle di Google di oggi in cui una mamma cactus accudisce con amore il suo piccolo.

 

[Google – doodle] Giro d’Italia 2017

Sono passati 107 anni da quel mattino del 13 maggio 1909 in cui prendeva il via il primo Giro d’Italia (Corsa Rosa) ideata dal giornalista sportivo Tullo Morgagni, da allora si è sempre disputato e siamo arrivati all’edizione numero 100 (per le interruzioni a causa dello scoppio della Ia e della IIa guerra mondiale).

Cos’è rimasto per gli appassionati di ciclismo della corsa a tappe più famosa del mondo (insieme al Tour de France, corsa nata nel 1903, onore ai francesi) è presto detto. La maglia rosa del campione, il sudore dei corridori che percorrono le strade della nostra bella Italia e niente più. E’ passata l’epoca in cui l’Italia si riversava sulle strade a salutare i propri beniamini, oggi a parte qualche sfegatato ci si gode il Giro in poltrona a guardare la fatica dei ciclisti e le bellezze del paese. Tutto il resto è noia.

Anche Google ha sfornato un doodle animato per l’occasione con il logo percorso dai ciclisti impegnati nelle salite e nelle discese di un paesaggio che poco ricorda gli Appennini e le Alpi, ma più i Canyon d’oltreoceano. Ma tant’è inizia il Giro tutti a fare il tifo per la maglia rosaaaaaaa!


P.S.: Questa sarà l’edizione in cui in molti rimpiangeranno di non poter celebrare le gesta di uno degli ultimi italiani ad avere il fiato e il talento per vincere il Giro. Purtroppo Michele Scarponi pare sia in sella alla sua bici, impegnato nel Giro del Paradiso.

[Google – doodle] «Beato quel popolo che non ha bisogno di festeggiare il #PrimoMaggio…»

La Festa del Lavoro è a mio parere la festa più fraintesa dell’anno.

La maggioranza pensa sia il momento in cui si celebri il diritto di ognuno ad un posto di lavoro dignitoso, attraverso il quale sentirsi socialmente valorizzato secondo le proprie capacità ed aspirazioni.

In realtà le origini del Primo Maggio sono proprio l’opposto. Ricorda le lotte per la riduzione della giornata lavorativa. Le battaglie operaie volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore.

Quindi in pratica oggi si festeggia il diritto a lavorare meno!

[Google – doodle] – La sonda Cassini si tuffa tra gli anelli di Saturno

A 3,4 miliardi di km dalla Terra, 20 anni dopo la sua partenza e dopo ben 13 anni passati nell’orbita di Saturno, la sonda Cassini inizia oggi l’ultima fase della sua incredibile missione: attraverserà l’anello più interno di Saturno, nel primo dei 22 “tuffi” che la porteranno in una regione in cui nessuna sonda ha mai orbitato, fino a raggiungere una distanza di 64 mila km dal centro di Saturno e l’inevitabile impatto della sonda con il pianeta previsto per il prossimo 15 settembre.

Un’incredibile avventura che si merita di certo di essere immortalata da Google in un doodle animato.

[Google – doodle] Tutto il mondo parla della Giornata della Terra


Dal 1970 per volere delle Nazioni Unite il 22 aprile si festeggia la Giornata della Terra (in inglese, Earth Day) che quest’anno vede coinvolti 175 paesi. Pare che per accorgerci di quanto fragile sia il pianeta che ci ospita abbiamo bisogno di un giorno comandato.

Ai festeggiamenti ha voluto partecipare anche Google con un doodle a tema: una serie di illustrazioni che mostrano una volpe addormentata che ha un incubo sulle conseguenze del cambiamento climatico, con iceberg sciolti e piante morte. Turbata dall’incubo, la volpe insieme a due amici inizia a essere più rispettosa dell’ambiente: il trio mangia verdure, coltiva piante, si sposta in bicicletta e utilizza l’energia solare.

La morale è semplice, dobbiamo essere più rispettosi dell’ambiente che ci circonda, lo dobbiamo a noi e alle generazioni future.

[Google – doodle] Primo giorno di primavera

In barba alle convenzioni, quest’anno l’equinozio di primavera si verifica un giorno prima. Più precisamente alle 10.29 di oggi lunedì 20 marzo (orario Utc, in Italia bisogna aggiungere un’ora e si va quindi alle 11.29).

Quindi se guardando dalla finestra avete come la sensazione che ci sia qualcosa di diverso rispetto a qualche ora fa è soltanto che è giunta la primavera.

Anche Google ce lo ricorda con un doodle animato che campeggia al posto dell’usuale logo in cui un topolino di campagna si sveglia e raccoglie il primo fiore della stagione.

[Google – doodle] Auguri papà

Esiste un giorno all’anno in cui potete fare finta di ricordarvi del vostro genitore maschio.

Quello che non ha sofferto sfornandovi tra le braccia dell’ostetrica, ma è svenuto alla vostra vista, quello che vi ha sempre nutrito, ma senza mai farvi poppare al proprio capezzolo, quello che tentando di cambiarvi il pannolino vi ha procurato quegli eritemi di cui ancora oggi portate i segni, quello che vi ha fatto imparare ad andare in bicicletta lanciandovi come un missile sul vialetto in discesa dietro casa e siete ancora vivi solo perché indossavate il casco,  quello che vi ha pagato il corso per quello sport che voi al contrario suo avete sempre odiato, quello che vi ha rinfacciato il costo dei biglietti di quel concerto dove vi hanno pure rubato lo zaino con dentro il telefonino, quello che per prestarvi la sua adorata macchina ha voluto che gli presentaste la fotocopia della patente e l’analisi del sangue dell’ingegnere che ve l’ha rilasciata, quello che si materializza magicamente ogni volta che vi sedete sul divano per rammentarvi che alla vostra età lui non era certo uno sfaticato come voi.

Oggi potete festeggiare insieme a quest’uomo di essere scampati alla sua goffaggine e di essere suo malgrado riusciti a superare indenni la pubertà: auguri papà, oggi è la tua festa… goditela che sono solo 24 ore (anche meno).

E visto che molti dei ragazzi di Mountain View che lavorano per Google non hanno pensato di fare l’esame del DNA e si sono fidate delle loro compagne e quindi ora sono convinti di essere genitori con tutti i crismi, come ogni anno hanno voluto realizzare un… doodle animato a tema! (Il fatto che si siano ispirati a dei cactus è, per dirla in gergo psichiatrico, un transfer dovuti molto probabilmente ai traumi infantili da addebitare al suddetto genitore).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: