Mi dicono che ci sono troppi bug nell’iOS 7

Falle di sicurezza, bug della lockscreen e del TouchID. Apple non si smentisce: da loro prodotti costosi e bacati per la gioia dei melafans.

torsolo_apple

Giusto un paio di settimane fa, contemporaneamente ai nuovi iCosi 5S e 5C che come al solito hanno richiamato negli Apple Store una caterva di clienti assatanati (non sarà il caso di chiedere all’OMS se si tratta di qualche malattia?), quelli della mela morsicata hanno fatto uscire il nuovo S.O. atteso da tutti gli utenti. Anche qui l’eccesso di entusiasmo ha portato a numeri di download da record per il nuovo iOS7 (quando ho letto la notizia ho pensato malignamente che molto probabilmente gli utenti degli iCosi non erano poi così contenti del precedente iOS6).

iOS-7Ovviamente l’uscita di una nuova release non può essere esente da problemi, ma ancora una volta quei matacchioni di Cupertino ce l’hanno messa tutta per raggiungere vette di assurdo che se non fossero così pompati dal marketing modaiolo ne dichiarerebbe la definitiva chiusura. Mi sono rammentato di qualche anno fa, quando gli utenti della mela dovettero affrontare il problema della sveglia che con il passaggio alla nuova release non se la sentiva di svegliare nessuno. Aspetta, ma non erano quelli della mela ad avere il problema dell’antenna, si dai l’Antennagate, quando si accorsero che il loro stupendo smartphone made in China era bellissimo (un costoso monoblocco di alluminio, vero oggetto di design), ma se lo tenevi normalmente in mano non si poteva telefonare perchè gli ingegneri non avevano pensato che un telefonino dovesse pure avere quella funzione oltre che per scaricare inutili e costose App e fare il filmino alla ragazza che ti sta di fianco al bar.

Sei uno tra quei “milioni” che hanno scaricato e montato l’iOS7 sull’iCoso? Stai attento che tra le varie falle di sicurezza (finora un’ottantina) che stanno venendo fuori (si può telefonare con il cellulare bloccato e si può aggirare facilmente il lockscreen) rischi che ti trovi addebitate sul conto un paio di migliaia di telefonate a Timbuctù e che dire di tutte le tue mail, foto, video… cmq contento te. Il consiglio è di stare attento alle prossime patch che sicuramente usciranno per risolvere questi problemi, fino ad allora perché non provi uno smartphone vero?

E che dire del nuovo sistema di TouchID dei nuovi iCosi? Altro che biometrica: l’impronta digitale è facilmente “hackerabile” tanto che non si vedono bancomat in giro per cui anzichè sforzarti a ricordarti le cinque magiche cifre ti chiedono di mettere il tuo pollice in qualche pertugio… o no?

E’ disponibile GOOGLE CHROME ver. 28.0.1464.0

google-chromeNuovo aggiornamento di Chrome, il browser di casa GOOGLE. 

Oltre ad aver corretto alcuni errori sono stati apportati alcuni miglioramenti, ma sopratutto fa il suo esordio Blink, il nuovo motore di rendering, fork di WebKit che oltre ad essere stato utilizzato nel progetto Chromium è il motore di altri browser tra cui anche quello di Safari (Apple).

I ragazzi di Mountain View hanno dichiarato di essere pronti a lavorare su un progetto nuovo che li vede lontani dagli obiettivi di quelli di Cupertino. La novità del progetto sarà quindi quello di favorire la crescita e l’innovazione all’interno di un ecosistema Web aperto, finora messo in discussione da alcuni limiti di Webkit.

Staremo a vedere.

Sebbene nelle note di versione di Chrome è menzionato ancora WebKit:

chrome 28

La nota nel  SVN revision log ufficiale non lascia dubbi, il passaggio a Blink è iniziato:

chrome 28-192202

Ricordiamo che  sono disponibili le seguenti versioni di Google Chrome (esistono diverse versioni che coincidono con il diverso grado di sviluppo e stabilità):

STABLE: E’ la versione più tranquilla e ufficiale. Stabile e veloce il browser di Google è il migliore in circolazione. (attualmente ver. 26.0.1410.43). I rilasci avvengono all’incirca ogni sei settimane.

BETA: Si tratta di una versione che contiene alcuni sviluppi portati avanti dal team di Chrome. I rilasci avvengono mensilmente con gli update testati del canale DEV e le prestazioni sono paragonabili alla versione Stable. (attualmente ver.  27.0.1453.15)

DEV: Si tratta della versione raccomandata per gli sviluppatori. Viene rilasciata con una cadenza quindicinale e contiene tutte le correzioni agli errori e le novità Il problema è che essendo questa una versione di prova potrebbero verificarsi crash o altri inconvenienti (al momento ver. 28.0.1464.0). Personalmente la utilizzo per essere il primo a provare le nuove features prodotte e anche se ogni tanto ci sono problemi, la utilizzo con molta soddisfazione.

CANARY: E’ la versione più spinta, a solo uso di sviluppo. Non essendo stabile non è adatta a normale utilizzo degli end-user.

Il CITTADINO IMPERFETTO ringrazia sentitamente il team di CHROME. Potete trovare maggiori informazioni direttamente a questo indirizzo: http://dev.chromium.org/getting-involved/dev-channel.

Notiziona per tutti quelli che si pavoneggiano con il loro iPad2 trovato sotto l’albero di natale

Hanno fatto il giro del web (e per il momento non c’è stata alcuna smentita) alcuni rumors provenienti da alcuni fornitori di componenti di componenti per la nota azienda di Cupertino, secondo i quali il prossimo 24 febbraio 2012 (in occasione del compleanno del defunto Steve Jobs) la Apple presenterà il nuovo iPad3.

Un bel colpo per tutti coloro si pavoneggiano in queste ore con l’iPad2 appena ricevuto in regalo da Babbo Natale. Tra qualche settimana il loro tablet sarà  più di moda (perdendo quindi ogni appeal, in fin dei conti è uno status symbol, no?). I clienti di Apple si ritroveranno a breve a fare le solite code per il nuovo (inutile) tablet. Non resta che ringraziare quei geniacci del marketing di Cupertino.

I prossimi MacBook Air monteranno i nuovi processori Intel Sandy Bridges

Si mormora che i MacBook Air, gli ultra portatili della casa di Cupertino, potrebbero ricevere un imponente upgrade nel prossimo giugno, con l’adozione dei nuovi processori Intel Sandy Bridge, che andrebbero a rimpiazzare gli ormai datati Intel Core 2 Duo.

Con questo upgrade le macchine made Apple, già dotati di chipset Nvidia Geforce 320M e SSD,  potrebbero finalmente quasi valere il loro prezzo.

NO PLAYBOY NO iPAD

Nonostante il buon Hugh Hefner avesse dato rassicurazioni su Twitter in merito alla prossima uscita di una App per iPad per fruire dei contenuti di Playboy sul tablet di Cupertino è purtroppo arrivata la smentita da parte di Apple contraria alla pubblicazione sui propri device di immagini di nudo integrale.

Un’altro esempio dell’ottusa politica della Apple che oltre al suo stile (inteso come design) vuole imporci anche il suo stile (intesa come moralità). Un motivo in più per stare alla larga dai prodotti della Mela: sono maggiorenne e ciò che posso o non posso guardare sul mio tablet lo decido io e non la morale di Steve Jobs!

Apple Vs. Privacy

Utenti in rivolta: «Le applicazioni di iPad e iPhone ci spiano»

E non dite che non vi avevamo avvertito. Farsi abbagliare dalle innumerevoli possibilità che le app sembrano darci per pochi euro è stato facile. Ma adesso si fanno i conti con l’oste. E’ di qualche giorno fa la notizia giunta dall’America di una class action contro la Apple per violazione della privacy degli utenti attraverso le più popolari e scaricate app, utility e giochi che trasmettono l’ID univoco dell’apparecchio, dati di geo-localizzazione, informazioni su sesso, età e altri dati sensibili senza chiedere alcun consenso. Continua a leggere

Incredibile… i Beatles su iTunes

L’azienda di Cupertino annunciava un grande evento per oggi con tanto di pagina dedicata…

E infatti oggi l’incredibile notizia… su iTunes i potranno acquistare i brani dei Beatles

Chissà che mi credevo… Io speravo qualcosa tipo lo streaming cloud-based e invece pare che sia solo finita la guerra fra le mele morsicate!!!

Da Vaveliero la cover definitiva per iPad

Non che noi del CITTADINO IMPERFETTO , ma ormai il mercato ha sancito la moda dei tablet e in attesa di qualche competitor di rango dobbiamo per forza occuparci del fenomeno iPad di Apple. E’ con non poca curiosità che cerchiamo di capire cosa ci possano trovare milioni di acquirenti in un aggeggio che apparentemente non serve a nulla se non a raccogliere le nostre ditate.

E’ così che siamo imbattuti in una cover della Vaviero di Milano specializzata nella produzione di cover per i prodotti Apple che trasforma il tablet di casa Cupertino in un notebook perfetto con una tastiera bluetooth in gomma (per evitare rischi di graffi) perfettamente integrata nella custodia in similpelle (elegante e compatta). Le recensioni di chi ha avuto modo di utilizzare questo prodotto sono a dir poco entusiastiche e parlano di un semplice utilizzo visto l’immediato riconoscimento del dispositivo da parte dell’iPad.

Il prezzo di Eur. 99,90 (su GadgetVivo, spedizione compresa) non è certo contenuto, ma di fronte alla genialità di questo prodotto e alle sue potenzialità forse non è nemmeno esagerato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Presentato il nuovo iPhoneOs 4.0

Avrà il multitasking, una nuova mail, ma anche i libri e la pubblicità. A settembre disponbile anche per iPad.

Con un evento annunciato solo qualche giorno fa, Steve Jobs ha svelato oggi le nuove features della versione 4.0 del sistema operativo di Apple per le sue piattaforme mobili (iPhone iTouch, e in un secondo tempo l’ultimo arrivato iPad), che sarà disponibile al pubblico questa estate.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: