Au revoir Messieurs Augias

LE STORIE-DIARIO ITALIANO (raitre)

Oggi è andata in onda l’ultima puntata di Le Storie su raitre che per un decennio ha arricchito il panorama culturale dell’offerta televisiva del servizio pubblico.

Corrado_AugiasOggi il presentatore Corrado Augias ha annunciato il suo abbandono del programma con la speranza che possa proseguire con altro conduttore, visti anche i lusinghieri ascolti.

Peccato, perché giusto dopo pranzo, poco prima di cedere l’armi all’abbiocco post prandiale, era davvero garbato l’incontro, mai urlato, di Augias con il suo ospite/contendente a sviscerare l’ultimo libro pubblicato contestualizzato dalle domande dai liceali assorti che ogni tanto venivano ripresi, ma le cui domande guarda caso erano quelle che avevamo anche noi sulla punta della lingua. Sarà stata pure una mia impressione, ma dopo l'”immersione culturale” mi sentivo “arricchito” e m’accontentavo d’aver riflettuto giusto per un momento giusto di una frase o di un’impressione trasmessa dallo studio di raitre.

“Di anno in anno, è capitato di sentire ragionare di letteratura, storia e filosofia con: Luis Sepulveda, Andrea Camilleri, Giulio Giorello, Umberto Eco, Luciano Canfora, Miriam Mafai, Eva Cantarella, Claudio Magris, Dacia Maraini, Antonio Scurati; di spettacolo con: Giorgio Albertazzi, Gigi Proietti, Dario Fo e Franca Rame, Francesco de Gregori, Mario Monicelli; di scienza con: Umberto Veronesi, Carlo Flamigni, Edoardo Boncinelli, Danilo Mainardi e, per la politica, Le Storie si pregia, tra gli altri, di aver avuto ospite il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.”

L’ultima puntata di commiato è stata dedicata a Calamandrei, senza il consueto dibattito, ricordando le altre “colonne” che hanno ispirato la redazione in questi anni: Kant, Gobetti, Gramsci giusto per chiarire quanto si è riusciti a volare  in alto.

Il saluto finale sulle note dell’overture del Guglielmo Tell, ancestrale sigla di chiusura della programmazione della Radio televisione italiana che ai suoi bei tempi andati sarà stata pure ingessata e magari un po’ bigotta, ma che aveva ben chiara la sua missione di servizio pubblico che oggigiorno si è persa nella rincorsa dell’auditel.

A noi “orfani” la speranza di trovare un altro lido all’altezza di Le storie – diario italiano di Corrado Augias.

Oggi 23 aprile si festeggia la GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo.
(Groucho Marx)

I libri servono a capire e a capirsi, e a creare un universo comune anche in persone lontanissime.
(Susanna Tamaro)

Leggo per legittima difesa.
(Woody Allen)

Sotto il patrocinio dell’Unesco oggi 23 aprile 2012 si celebra la GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO E DEL DIRITTO D’AUTORE e si nomina quella che per un anno sarà la CAPITALE MONDIALE DEL LIBRO (nel 2006 è stata Torino, quest’anno tocca all’Armenia con Yerevan.

L’evento ha come obiettivo principale quello di promuovere la lettura dei libri, la loro pubblicazione, cercando anche di sensibilizzare tutti al rispetto per la proprietà intellettuale d’autore. La data del 23 aprile, non è stata scelta a caso. In tale ricorrenza, si ricorda anche la morte di tre illustri scrittori: Miguel de Cervantes (1547-1616), William Shakespeare (1564-1616) e il peruviano Garcilaso de la Vega (1539-1616).

Stasera PRESADIRETTA ci parla di CULTURA

Nuovo appuntamento questa domenica sera alle 21:30 su Raitre è con Riccardo Iacona e le inchieste della redazione di PRESADIRETTA.

“Cultura a fondo” è un’inchiesta di Francesca Barzini con Antonella Bottini, Lisa Iotti, Silvia Luzi e Raffaella Pusceddu, Rebeca Samonà, che si domanda se in questo periodo difficile è giusto tagliare i finanziamenti alla cultura.

Se nel resto del mondo si sta comunque investendo sulla cultura che è considerata l’industria del futuro, da noi i tagli indiscriminati stanno portando allo sfascio il vanto della cultura italiana accanto ai soliti sprechi assurdi con il quale si continuano a sperperare i soldi dei cittadini.

Noi saremo davanti al televisore ogni domenica alle ore 21.00 su RAITRE, ma per coloro che avessero ben altro da fare ricordiamo che RAI.TV mette a disposizioni le puntate della trasmissione a partire dal giorno dopo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: