[Tutorial] Come aprire gratis un blog

Se ami scrivere di ciò che ti interessa e vuoi diventare un blogger per condividere le tue passioni e le tue conoscenze con gli altri, occorre aprire un blog ed è molto più semplice di quanto possa sembrare.blogger-outreach-large

All’epoca dei social network il blog potrebbe essere considerato ‘sorpassato’, ma se teniamo conto che ogni giorno ne nascono duecentomila di nuovi forse l’idea di aprirne uno secondo i propri desideri non è cosa poi tanto assurda.

Per iniziare a ritagliarsi uni spazio in internet è sufficiente appoggiarsi ad una delle tante piattaforme che mettono a disposizione gratuitamente le proprie risorse e permettono al neo-blogger di concentrarsi sulla produzione dei contenuti.


653166773dc88127bd3afe0b6dfe5ea7Personalmente da anni ho fatto la scelta di appoggiarmi a WordPress.com e in questo articolo presenterò i semplici passaggi necessari. La gratuità delle risorse comporta aspetti più o meno negativi: se da un lato non ci si deve preoccupare di tenere aggiornato il software CMS, i relativi plugin, l’ottimizzazione del layout per il mobile ecc… non avremo pieno accesso alla piattaforma, a parte scegliere il layout e plugin che meglio si addicono alle nostre esigenze tra quelli proposti per personalizzare il nostro blog, ma per iniziare il compromesso è tutto a nostro favore. Con il tempo potremo scegliere di acquistare un nostro dominio (certo che pincopallino.com fa più figura di it.wordpress.pincopallino.com) e magari migrare i nostri contenuti ad un altro hosting a pagamento.

Ciò che conta per iniziare è l’entusiasmo, la voglia di creare nuovi contenuti che potrebbero interessare ai naviganti del web e tanta tanta passione con la quale alimentare la perseveranza: questi sono gli ingredienti necessari a tenere in piedi un blog e magari averne uno di successo.


Apriamo il nostro primo blog: Continua a leggere

Proteggersi dalle vulnerabilità usate da Hacking Team

Il caso Hacking Team ha destato in questi giorni un enorme scalpore.

In particolare il contenuto del pingue archivio da 400 GB trafugato nei giorni scorsi ha portato alla scoperta di alcune falle sconosciute scoperte in Flash Player, in Windows ed in altri software che l’azienda milanese utilizzava per eseguire il codice per il monitoraggio dei sistemi in modalità remota, all’insaputa del proprietario.1436558551201192

Ora visto che queste informazioni sono di libero accesso a tutti in rete, sono molte le software-house impegnate a correre ai ripari e correggere le molte vulnerabilità che potrebbero essere utilizzate dai criminali informatici.

E’ ad esempio noto che nelle scorse ore un gruppo di hacker cinesi avrebbe già “riciclato” il materiale derivato dall’attacco a Hacking Team per aggredire almeno 23 società attive nel settore delle tecnologie aerospaziali e della difesa, delle costruzioni, dell’energia, dell’hi-tech, dei trasporti, delle telecomunicazioni, della salute e delle biotecnologie.

Nel nostro piccolo possiamo mettere in atto alcuni accorgimenti per evitare che i nostri sistemi vengano attaccati: Continua a leggere

Il Garante per la Privacy ha avviato una campagna contro lo spam

no_spam

Il Garante per la Privacy ha lanciato un campagna contro lo spam (www.garanteprivacy.it/spam), un problema che è una vera e propria piaga. Forse non ce ne liberemo mai, ma con qualche piccolo accorgimento si può sperare di imprecare un po’ meno.

Spam significa messaggi indesiderati a volte portatori di virus e malware in genere, o magari veicoli per attacchi di phising. Ecco il perchè dei consigli del Garante per la Privacy.

consigli_no_spam

Segreti per un barbeque perfetto (Parte 1)

barbequePrima di tutto occorre accertarsi che la carbonella sia giunta alla giusta temperatura.

Il metodo più semplice consiste nel tenere il palmo della vostra mano ad una altezza di circa 12 cm dalla carbonella e se riuscite a tenere la mano per: Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: