COP15 – Un fallimento a metà

Mentre la giostra continua a girare e noi beatamente ce ne infischiamo se tra una trentina d’anni la temperatura si dovesse realmente alzare di qualche grado (vabbè magari qualcuno di noi sentirebbe le caviglie umide per l’innalzamento dei mari, ma vuoi mettere: invece di sorbirsi interminabili ore di coda nel traffico per raggiungere le spiagge, finalmente le spiagge verranno loro da noi in città), Stati Uniti, Cina, India, Brasile e Sudafrica hanno visto approvato il “Copenhagen Accord” (nome in codice FCCC/CP/2009/L.7che potete trovare nelle qui) dal consesso plenario dell’Assemblea che ha superato le opposizioni di alcuni (Sudan, Venezuela e Tuvalu fra tutti) semplicemente prendendo atto dell’intesa fra i cinque paesi. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: