Google Chrome si aggiorna alla con qualche problema

Google Chrome cdownloadon l’ultimo aggiornamento ufficiale risalente a qualche giorno fa (ver. 51.0.2704.63 disponibile per Windows, Mac e Linux) insieme alle consuete correzioni di una sfilza di bug e numerosi fix di sicurezza (per un totale di 42 patches) ha introdotto un paio di interessanti novità, purtroppo con qualche guaio.

Una delle novità del browser più installato al mondo (con una quota pari al 22%) è l’ottimizzazione del motore di rendering che promette fino 30% in meno di uso delle risorse di sistema: in pratica le pagine che non sono in primo piano saranno mandate in una modalità di caricamento meno aggressiva.

E’ stata inoltre implementata una nuova API denominata Credential Management che migliora l’esperienza di gestione delle password e l’accesso ai siti con credenziali.

Chi sperava nell’atteso Material Design dovrà ancora attendere, ma intanto sono iniziate ad essere modificate alcune parti del front-end e qui iniziano i guai.

Per chi utilizza le estensioni di Chrome lo shock ha riguardato la grandezza (diminuita da 19x19punti a 16x16punti) delle relative icone nella toolbar ridisegnata che rendono praticamente illeggibili le informazioni degli utilissimi badge di notifica (quelle che ci informano di quante mail abbiamo ricevuto e abbiamo ancora da leggere,  oppure il contatore di visite di WP STATS, ecc…).

Ecco come compaiono ora nel mio browser:

Senzanome

Ho cercato di ingrandire la sezione della toolbar per farvi meglio capire il problema, ma anche così le informazioni sono poco comprensibili. Diciamo che non tutte le ciambelle riescono con il buco…

Fortunatamente un ticket è stato subito aperto e i programmatori stanno già all’opera per cercare una soluzione al problema che speriamo venga presto trovata e rilasciata…

Istantanea_2016-05-27_21-58-24

Microsoft birichina forza la mano a chi non è ancora passato a Windows 10

Istantanea_2016-05-24_15-33-13Ci sono molti utenti che per una ragione o per l’altra pur utilizzando una versione vecchia del sistema operativo della Microsoft (8, 8.1, 7, Vista e XP) non sembrano per niente intenzionati ad aggiornare il proprio pc a Windows 10 anche se l’upgrade al nuovo sistema operativo è gratuito al momento del tutto gratuito (fino al prossimo 29 luglio).

Tenere aggiornato il software che si utilizza sulla propria macchina è buona cosa e questo è fuori di dubbio. Utilizzare un sistema operativo datato espone l’utente a molteplici rischi sulla sicurezza e sulla stabilità del suo sistema, ma è anche vero che ognuno è padrone di utilizzare il software che vuole (e che ha lecitamente acquistato) o magari è costretto per tutta una serie di sue ragioni contingenti (pensate che ci sono client che girano ancora su XP che aspettano ancora l’aggiornamento a Seven).

Le pressioni sui suoi clienti messe in atto da Microsoft sono molteplici… oltre al ‘battage’ pubblicitario da tempo gli utenti convivono con l’iconcina nella tray icon che li invita a passare a Windows 10… Ma pare che adesso quelli di Redmond si siano fatti più aggressivi.

Con uno degli ultimi aggiornamenti è stata modificata la schermata della notifica Get Windows 10 che include un ‘trabocchetto‘ che lascia allibiti per quanto sia sporco.Istantanea_2016-05-24_15-03-08

Un qualsiasi utente Windows di fronte a una schermata come questa (magari aperta per sbaglio) cosa fa? Se non interessato all’upgrade cliccherebbe sulla grande ‘X’ rossa in alto a destra che da che mondo e mondo significa ‘chiudi la schermata e amen‘. Invece in questo caso la Microsoft ha modificato le carte in tavola e chiudendo nel solito modo la schermata parte automaticamente la sequenza di aggiornamento.

Si ‘gioca‘ con le abitudini dei propri utenti per ingannarli: tutto questo è inammissibile!

sbadatoQuindi non solo ora l’aggiornamento a Windows 10  viene scaricato in automatico in background all’insaputa dell’utente ma, una volta completato, la finestra indica in che giorno e ora verrà installato, a meno che l’utente non indichi espressamente di volere il contrario.

Sinceramente non volevo credere a una ‘furbata‘ simile: in fondo stiamo parlando della software house più importante del mondo, mica dell’ultimo hacker russo in cerca di un modo per turlupinare le sue vittime. Senonché mi ha chiamato un amico che si è ritrovato a passare a Windows 10 e per sbaglio… ma altro che errore qui c’è tutta la volontà di ‘raggirare‘ l’utente e costringerlo a passare con le buone o con le cattive al nuovo sistema operativo.

ms-logo

Non voglio qui aprire una polemica se è il caso di aggiornare o meno il sistema operativo del proprio computer, fanno specie invece i ‘mezzucci‘ e i ‘sotterfugi‘ messi in atto da una potenza come la Microsoft. Nel frattempo che mettano una ‘pezza’ all’incresciosa faccenda e che i pezzi grossi prendano in considerazione di rispettare la volontà degli utenti, Voi siete tutti avvisati e se vi capita di aprire la fatidica schermata e non avete intenzione di aggiornare il vostro sistema operativo cliccate sul collegamento all’interno della schermata, sulla frase che nell’immagine dice “Click here to change upgrade schedule or cancel scheduled upgrade“, sotto la data e l’ora di aggiornamento.

—>>>> Oppure meglio ancora potete installare uno dei tanti software (come ad esempio GWX Control Panel) che impediscono alla contestata schermata di scocciarci l’esistenza.

Chi poi è involontariamente passato ‘inconsapevolmente‘ a Windows 10 può ritornare subito indietro con la funzione integrata nelle impostazioni.

Installare Windows 10 senza attendere messaggio nella traybar

Oggi 29 luglio 2015 la Microsoft ufficialmente mette a disposizione ai suoi utenti l’aggiornamento a Windows 10. Quindi tutti in attesa di veder comparire sulla traybar il messaggio di conferma della disponibilità dell’aggiornamento per il proprio PC.1437780613_windows

Ma ce un modo per “accelerare” le cose.

Microsoft oggi ha infatti rilasciato pubblicamente il Media Creation Tool per Windows 10, un software gratuito che Continua a leggere

[Consiglio] Creare un’immagine del PC con EaseUS System GoBack prima di installare Windows 10

Domani 29 luglio Microsoft inizierà il rilascio della versione finale di Windows 10.

maxresdefaultE molto probabilmente come tanti non vedete l’ora di aggiornare il vostro PC, magari avete fatto pure la prenotazione per essere i primi su questo pianeta a far girare il nuovo S.O. sul computer.

Ecco il consiglio per voi.
Siate preparati ad ogni imprevisto!!!!

E’ vero che la Microsoft ha garantito agli utenti di poter tornare sui propri passi (si avrà la possibilità di ripristinare Windows 7 o Windows 8.1 entro 30 giorni dall’installazione dell’aggiornamento), ma è vero che nel caso in cui dovessero emergere problemi durante l’installazione o all’utilizzo di Windows 10 (setup difficoltoso, mancato supporto di programmi e periferiche hardware), avendo un immagine del sistema precedente diventa molto più semplice e indolore tornare sui propri passi.

Quindi  prima di procedere con l’aggiornamento gratuito da Windows 7 o Windows 8.1, è consigliabile fare un’immagine del sistema.

Esistono numerosi programmi free che consentono di creare un immagine del sistema ovvero un backup dello stato del proprio PC, ma Continua a leggere

Waze si aggiorna alla v3.9.4: Traffic Bar e maggiore velocità dell’applicazione

Nel proprio smartphone non può di certo mancare un App di navigazione.navigatore-insicuro

A seconda delle necessità e delle preferenze di ciascuno si può scegliere tra un’applicazione offline (che non richiede di essere continuamente una connessione attiva e ci guida semplicemente a destinazione) oppure una online (che ha il difetto di richiedere una connessione attiva continua, ma che oltre alla pura navigazione è in grado di fornirci tutta una serie di servizi online).

wazePersonalmente sul mio smartphone da anni non manca Waze una sorta di navigatore social in cui gli utenti sono parte attiva nelle informazioni trasmesse e che acquisita da qualche tempo da Google è diventata da poco un’App del Google Mobile Service (GMS) che i produttori di dispositivi mobili e gli operatori di telefonia mobile possono preinstallare sui loro vari dispositivi.

Waze non può essere utilizzata in modalità offline in quanto è stata concepita per ottenere informazioni in tempo reale da parte degli altri utenti (i wazers) sullo stato del traffico, delle strade, su pericoli presenti lungo il tragitto, incidenti, pattuglie, autovelox e così via.

In questi giorni Waze è stata aggiornata alla release 3.9.4, che porta ad una maggiore la velocità di esecuzione dell’applicazione (si parla di un miglioramento fino all’85%) che si traduce in minor tempo speso a cercare luoghi ed effettuare il calcolo dei percorsi. Altra novità riguarda l’introduzione della Traffic Bar, un’indicazione che comparirà sullo schermo alcuni metri prima dandovi una stima di quanto dovrete aspettare in quel punto preciso a causa di traffico intenso.

waze-screen

Ecco di seguito il Changelog completo:

  • Navigazione più fluida, ricerca itinerari più veloce, ricalcolo percorsi più razionale;
  • Nuova barra con info sullo stato del traffico;
  • Istruzioni vocali di guida ti indicheranno già dalla partenza attraverso quale strada Waze ti guiderà.
  • Condivisione del proprio ETA e possibilità di conferma ricezione;
  • Implementate le inversioni a U;
  • Correzione di bug minori.

L’aggiornamento è già disponibile tramite Google Play Store.

waze_google_play

VLC 1.1.10 is out!

VlcPlayerP1Da qualche giorno è possibile aggiornare VLC (il player free più versatile che esista) alla versione 1.1.10!

Come annunciato dai ragazzi della VIDEOLAN si tratta di una minor release in cui sono stati corretti alcuni piccoli errori, aumentata la sicurezza e aggiornati i codec.

– link alla versione per WINDOWS

– link alla versione per MAC

– link alla versione per UBUNTU

Vale la pena installare quest’ultima versione e goderci i nostri filmati al PC. O no?

VLC 1.1.9 is out!

I ragazzi di VideoLan sono sempre al lavoro ed eccoci qua a riferirvi che è già ora di passare alla versione 1.1.9 del media player open source migliore in circolazione.

Si tratta di un aggiornamento minore che riguardano la sicurezza, gli encoder e i codec.

Da scaricare subito!!!

Visita la pagina ufficiale di VLC Media Player
Scarica VLC Media Player

VLC 1.1.8 is out!

I ragazzi di VideoLan sono sempre al lavoro ed eccoci qua a riferirvi che è già ora di passare alla versione 1.1.8 del media player open source migliore in circolazione.

Si tratta di un aggiornamento minore che riguardano la sicurezza, gli encoder e i codec. Da sottolineare che pare sia stato sistemato l’auto-detection dei sottotitoli .txt.

Da scaricare subito!!!

Visita la pagina ufficiale di VLC Media Player
Scarica VLC Media Player

 

Finalmente risolto il problema audio HDMI su decoder i-can 1110sh


Finalmente una buona notizia per i possessori del decoder i-can 1110SH DBT Tivusat afflitti dal problema dell’assenza di audio nell’uscita HDMI. E’ stato rilasciato nelle scorse ore il firmware 1.4fa 108 che ha risolto il problema.

Non essendoci stata alcuna informazione al riguardo (nemmeno sul sito ufficiale) nè tantomento nessuna email di avviso (promessa a chi si fosse registrato); dell’avvenuto upgrade è difficile accorgersene se non facendosi un giro tra i menù d’impostazione, ma vi possiamo assicurare che  siete ora in grado di ricollegare il cavo HDMI e scollegare il vetusto cavo SCART!

Problemi audio HDMI su decoder i-can 1110sh

Dopo l’aggiornamento software del 10/02/2011 i possessori del decoder i-can 1110SH DBT e Tivusat hanno potuto apprezzare la nuova grafica dei menù, ma purtroppo lamentano l’assenza dell’audio nell’uscita HDMI. Dopo diversi smanettamenti e tentativi tutti si sono dovuti arrendere di fronte al problema dovuto certamente a qualche bug nell’aggiornamento. Infatti pare che l’audio sia invece perfetto dall’uscita SCART e da quella AUDIO. Continua a leggere

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: