La mia classifica dei migliori 10 libri letti nel 2017

libri-500x500Quest’anno ho letto relativamente pochi libri, solo una trentina. Mi capitano dei periodi di magra in cui invece di rifugiarmi tra le pagine di un libro preferisco trascorrere il tempo libero impegnato a fare altre cose, visto che le storie che si susseguono voltando le pagine perdono senso e diventano insipide. E’ come per gli amanti del buon cibo: ogni tanto non si riesce a gustare al meglio il sapore di quello che si ha nel piatto e di conseguenza si mangia di malavoglia, senza il solito entusiasmo e la solita passione. 

Ma per fortuna, poi si ricomincia… più affamati di prima… 


1° postoIl labirinto degli spiriti di Carlos Ruiz Zafónd
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 819
E’ l’epilogo di un bellissimo viaggio tra le vie di una Barcellona misteriosa, nella Spagna dilaniata dalla guerra civile e dal franchismo ai giorni nostri. Un percorso iniziato parecchi anni fa con un libro prestato da un amico che non ringrazierò mai abbastanza per avermi introdotto al ciclo de “Il Cimitero dei Libri Dimenticati ” in compagnia della famiglia Sempere, dell’eccentrico Fermín Romero De Torres e di tutti gli altri personaggi che l’estro di Zafón ha saputo muovere per dare vita ad una storia emozionante, onirica e oscura. E pensare che tutto ha avuto inizio con un segreto svelato al giovane Daniele Sempere da suo padre libraio e dalla sua decisione di adottare il libro maledetto dello sfortunato scrittore Julián Carax. Ho così potuto passeggiare per le calle di Barcellona, palpitare per le sorti dei miei personaggi preferiti, maledire cattivi senza vergogna, cercando di venire a capo di oscuri misteri. Finalmente ho avuto risposta a tutte le domande che mi ero posto leggendo i libri precedenti e il finale rende giustizia all’intero ciclo da leggere assolutamente seguendo l’ordine di pubblicazione: L’ombra del vento (uscito in Italia nel 2004), Il gioco dell’angelo (uscito in Italia nel 2008), Il prigioniero del cielo (uscito in Italia nel 2012) e infine Il labirinto degli spiriti.


2° posto – Il gigante sepolto di Kazuo Ishiguro
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 313

Confesso la mia indicibile ignoranza: ho scoperto lo scrittore Ishiguro solo quando ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura. Anche se conoscevo un poco le sue opere (per via dei film tratti dai suoi romanzi), ma non mi ero mai preso la briga di leggerle. Negli ultimi tempi sto colmando questa mia gravissima lacuna con notevole soddisfazione delle mie papille letterarie! In particolare questo libro mi ha lasciato senza parole. Per riassumerlo in poche righe senza svelarne la trama, dico solo che è ambientato in Britannia nell’immediato periodo dopo la caduta dell’impero romano, ma il paesaggio è fantastico con orchi, draghi e altri prodigi del genere. E’ la storia di un viaggio (due coniugi anziani che vogliono raggiungere il villaggio di loro figlio) in una landa senza memoria, delle vicende di valorosi cavalieri e della fine di un drago malefico. Questo libro mi è piaciuto non solo per come è scritto e perché parla di una storia affascinante, ma per come l’autore è riuscito a trasmettere il senso di smarrimento dei vari personaggi (che ho ritrovato anche negli altri suoi libri), e per come vengono messi alla prova.


3° postoLa colonna di fuoco di Ken Follett
Anno pubblicazione: 2017
Pagine: 912

Mi piace leggere il Follett del ciclo di Kingsbridge: I pilastri della Terra è uno dei miei libri preferiti in assoluto. In quest’ultimo libro della trilogia (I Pilastri della Terra, Mondo senza fine e La colonna di fuoco) il periodo che fa da sfondo al romanzo è quello cinquecentesco degli scontri tra cattolici e protestanti, in cui si racconta di intrighi, di amori e di vendette di una pletora di personaggi indimenticabili, percorrendo l’Europa, dall’Inghilterra e la Scozia, alla Francia, alla Spagna e ai Paesi Bassi. Ho parteggiato subito per il giovane protestante Ned Willard fin dal suo ritorno a casa, ho sofferto con lui per il suo amore contrastato con la cattolica Margery, mi sono entusiasmato per il suo ruolo di consigliere alla corte di Elisabetta I, sono rimasto dubbioso mentre imprigionava Maria Stuarda e infine sono stato orgoglioso di come ha sventato la Congiura delle polveri. Una bella storia che mi ha fatto conoscere meglio la grande Storia.


4° postoDente per dente di Francesco Muzzopappa
Anno pubblicazione: 2017
Pagine: 189

Questo libro mi ha divertito e mi è piaciuto tanto da meritare un post a parte su questo blog. Muzzopappa ha il dono di farmi godere i momenti dedicati alla lettura dei suoi libri. Qui la storia è quella di un ragazzo mollato dalla sua ragazza e della sua tragicomica visione dell’abbandono. Mi piacciono le situazioni surreali e lo spirito con cui certi personaggi le affrontano. L’ironia un’arma più potente della bomba atomica. Un libro da leggere che lascia un buon sapore in bocca quando lo si finisce. Niente di trascendentale, ma non fa rimpiangere il tempo passato in sua compagnia.


5° postoNessuno può volare di Simonetta Agnello Hornby
Anno pubblicazione: 2017
Pagine: 183
Ho scoperto questo libro guardando la televisione. Mentre l’autrice ne parlava con una certa passione rispondendo alle domande del suo interlocutore. Mi è venuta subito voglia di leggerlo e per mia fortuna ho seguito l’istinto. Questo libro è una biografia che racconta la storia di due persone reali. Dell’autrice e madre, della sua giovinezza trascorsa in famiglia in Sicilia dove stanno le sue radici, della sua seconda vita di migrante a Londra dove si è sposata ed è diventata un apprezzato avvocato e quindi della sua vita di scrittrice. Accanto scorre quella di suo figlio che a un certo punto deve fare i conti con una brutta malattia che lo vorrebbe svilito su una sedia a rotelle e che invece non si arrende e continua a vivere la propria vita dignitosamente. Mi sono piaciuti i racconti di una Sicilia che spero ci sia ancora e quelli che mi hanno mostrato la forza e l’indipendenza di persone che non si danno mai per vinte.


6° postoIl libro delle cose nuove e strane  di Michel Faber
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 574
Complice la visione del pilot della serie tv “Strange New Things” con protagonista l’attore Richard Madden che Amazon ha tratto da questo romanzo, mi sono sentito in dovere di appagare la mia curiosità leggendo l’opera di Faber. La storia parla di un prete chiamato a compiere la sua missione evangelica su un pianeta di recente scoperta in quanto pare che gli autoctoni extraterrestri sembrano essere molto interessati ai racconti della Bibbia, il libro delle cose nuove e strane, per l’appunto. I canoni della fantascienza sono rispettati in tutto: c’è il viaggio verso la colonia, i problemi di una Terra sovrappopolata e in declino, l’eccentricità di alcuni coloni, la strana missione evangelica e il mistero svelato all’ultimo. Il libro merita di essere letto anche se non si è avvezzi alla letteratura fantascientifica. Un po’ perché fa pensare e un po’ perché è scritto davvero bene.


7° postoLa via del sole di Mauro Corona
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 160
Ancora una volta l’autore dimostra il suo impegno ambientalista inventando una favola moderna che spinge a riflettere sugli effettivi costi di quello che siamo ormai abituati a chiamare progresso. Come il protagonista di questo romanzo che non riesce a rispettare la natura che lo circonda e della sua folle corsa a modificarla a suo uso e consumo. Questa è la storia del rampollo di una famiglia agiata che apparentemente stanco della sua vita vuota fatta di apparenze si rifugia sui monti dove si fa costruire una bellissima magione. Invece di apprezzare di vivere in un ambiente bellissimo, incapace di godere di ciò che ha, decide di mozzarne le cime in maniera che il sole possa illuminare meglio la sua casa. Inizia così il folle viaggio di perdizione di quest’uomo che diventa sempre più ricco e sempre meno umano. Purtroppo la favola in questo caso non finisce con un vissero felici e contenti, poiché i danni all’ambiente una volta fatti sono molto difficili da rimediare.


8° postoIl mio lungo viaggio di Piero Angela
Anno pubblicazione: 2017
Pagine: 224
Ci sono persone che sono artefici di parte del nostro bagaglio culturale e Piero Angela è sicuramente uno di questi. Sono cresciuto con le sue trasmissioni che al pomeriggio o alla sera hanno portato a casa mia quei documentari che se non fosse stato per i suoi modi e la sua capacità di comunicazione, forse non avrei mai ritenuto interessanti. Leggendo questa sua biografia ho imparato che un uomo notevole non è un uomo particolarmente istruito, ma una persona che ha saputo fare le giuste scelte, che non si è mai arreso e che ha amato tanto il suo lavoro. La passione del personaggio che abbiamo sempre apprezzato sullo schermo è qundi reale e grazie a questo libro ne scopriamo le origini e gli aneddoti di una lunga e bella vita.


9° postoIl cartello di Don Winslow
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 882
Leggere del narcotraffico messicano attraverso questo romanzo in cui la realtà e la fantasia sono talmente intrecciate da non riuscire a distinguere il vero dal verosimile è stata un’ esperienza curiosa. La storia è avvincente con i buoni abbastanza buoni e i cattivi molto cattivi. Non posso fare a meno di pensare a cosa si perde la gente  che guarda le fiction alla televisione ispirate a queste tematiche e non trova il tempo di leggere questo libro.


10° postoNorwegian Wood di Lars Mytting
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 246
Perché leggere un libro che parla di alberi, di come tagliarli e di come accatastarli? Un po’ perché a me gli alberi sono sempre piaciuti e in questo libro ho trovato molte nozioni interessanti e curiose a riguardo, un po’ perché ho imparato che dietro al taglio e alla raccolta della legna c’è una cultura millenaria che appartiene a tutto il genere umano e che in Scandinavia sopravvive ai giorni nostri. Se questo libro è diventato un best seller internazionale, piuttosto che una guida del fai da te, lo si deve al modo con cui l’autore è riuscito a descrivere un mondo fatto di regole e tradizioni che fanno ancora parte anche di noi che ci riscaldiamo davanti al calorifero.


La mia libreria virtuale su (dal 2008):

  • La classifica del 2016 la trovi qui: link
  • La classifica del 2015 la trovi qui: link
  • La classifica del 2014 la trovi qui: link

 

LIBRI DA LEGGERE | “DENTE PER DENTE” di Francesco Muzzopappa


Titolo: Dente per dente

Autore: Francesco Muzzopappa

Editore: Fazi Editore – Collana Le Meraviglia

Genere: Romanzo umoristico

1a ed. originale: giugno 2017, 218 pagine

ISBN: 9788893251358

Anteprima del libro: link (Google books)

Sito web: link (Fazi Editore)


Se Roma ha la GNAM (Galleria Nazionale d’Arte Moderna), Bologna il MAMBO (Museo d’Arte Moderna BOlogna) e a Napoli c’è il MADRE (Museo d’Arte contemporanea DonnaREgina), a Varese hanno pensato bene di inaugurare il Mu.CO (Museo d’arte COntemporanea). Qui, a detta dei critici, sono esposte le peggiori opere dei più grandi artisti contemporanei. Tra le altre, un orribile Warhol, un Dalí terrificante, due drammatici Magritte e un Duchamp inguardabile. Leonardo ci lavora da tre anni. È un’assunzione obbligatoria: ha perso due dita in un incidente e insieme alle dita anche i sogni. Ha solo una grande certezza: si chiama Andrea, una ragazza molto cattolica, osservante e praticante, che rispetta alla lettera i dieci comandamenti, non dice parolacce e, soprattutto, non fa sesso. Non fa sesso con lui, però, perché Leonardo, sul punto di farle la sua proposta di matrimonio a sorpresa, la scopre a letto con un altro. Da quel momento, la sua vita va in pezzi. Alla disperazione più nera, tuttavia, segue la vendetta. Leonardo decide di rifarsi su Andrea e sui suoi preziosi comandamenti. Li infrange tutti, sistematicamente, uno dopo l’altro. Con un’ironia corrosiva e una storia scandita da scene esilaranti, Muzzopappa torna a dare il meglio di sé in un’inusuale commedia nera, protagonista un tenero quanto agguerrito ragazzo innamorato.


Ci sono libri che leggiamo per imparare e altri che leggiamo per evadere. Questo libro non appartiene né all’una né all’altra categoria. Eppure se vi piace leggere è un titolo che deve assolutamente passare dal vostro comodino. Sul mio c’è stato giusto un paio di giorni. Come succede per gli amori estivi il nostro incontro è durato poco, ma è stato piacevolmente intenso e pure imbarazzante. Molti passaggi li ho sottolineati con una sonora risata e le lacrime agli occhi: i miei familiari hanno magari pensato che avessi esagerato con l’uso cannabis a cui in realtà sono allergico.
Le vicende del ‘povero’ Leonardo sono quelle di qualsiasi ragazzo/giovane uomo invalido abitante nella provincia dell’Italia settentrionale: a parte l’invalidità e il forno autopulente, mi ci sono riconosciuto e la cosa mi ha fatto pensare (giusto per un paio di secondi, ma profondamente).
Le parole scorrono veloci e le scene si susseguono in escalation di emozioni. E’ un libro d’amore e di vendetta (un po’ come “Guerra e pace”, ma molto più corto e senza barbosi principi e svitate principesse russe). Fa ridere, certe volte con lieve amarezza altre per le esilaranti trovate dell’autore che si vede che era particolarmente in vena.
Di più non vi posso dire, andate in libreria e abbiate il coraggio di chiedere l’ultimo libro di Muzzopappa, non ne resterete delusi. Solo vi posso svelare che la fine è quasi meglio del finale di La La Land.
Comunque ci si vede tutti al Mu.Co di Varese ad ammirare le inestimabili opere ivi custodite e magari farci qualche selfie in barba agli integerrimi agenti della sicurezza.

La mia classifica dei migliori 10 libri letti nel 2016

libri-500x500Torna a grande richiesta la classifica dei libri letti negli ultimi dodici mesi (una quarantina di libri in tutto, davvero un po’ pochini rispetto al mio solito, ma quest’anno è andata così).

Come le altre volte stilare una classifica mi è parso strano, visto che un conto è se un libro mi è piaciuto o meno, e un altro ‘pesare’ i libri e metterli in un certo ordine: quindi diciamo come sempre che quelli che seguono sono i libri che mi sono piaciuti e sono solo quelli di cui ho scelto di parlare in questo post. Iniziare a leggere il libro è come imbarcarsi per un viaggio in cui più importante della meta è il percorso che si compie.


download1° postoLe prime quindici vite di Harry August di Claire North
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 383
Il protagonista di questo libro è una persona molto speciale che Harry August ha un dono riservato a una stretta cerchia di umani evoluti i ‘kalachakra’ che ogni volta che muoiono rinascono esattamente nello stesso luogo e nello stesso anno. Condannato alla rinascita e al ricordo, Harry può morire sapendo che rinascerà, può uccidere, può trasformarsi in quello che vuole, approfondire la scienza, le religioni, la storia. Il giorno in cui una bambina gli dice: “La fine del mondo sta arrivando. Adesso tocca a te.” catapulta Harry in una storia di amicizia e tradimento, amore e solitudine, gioia e lealtà che lo vedrà confrontarsi con il malvagio Vincent Rankis. Il finale non è all’altezza dell’impegno profuso dall’autrice per farci arrivare alla fine del libro, ma rimane abbastanza per poter dire che ne è valsa la pena. In sintesi si tratta di un romanzo ben congegnato con atmosfere che richiamano l’immaginario alla Benjamin Button, in cui la giovane autrice inglese Catherine Webb, sotto lo pseudonimo di Claire North, si destreggia nei continui flashback riuscendo nell’intento di coinvolgere il lettore con una narrazione ad incastro per portarlo a riflettere sul valore della vita e sul progresso del genere umano.


image_book2° posto – Girl runner di Carrie Snyder
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 288

Una storia quasi vera quella di Aganetha Smart mezzofondista canadese medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1928 di Amsterdam. Un romanzo che fino all’ultimo pare al lettore appartenere ad una persona veramente esistita, per poi scoprire con un certo disappunto che l’autrice Carrie Snyder si è solo ispirata per questo libro alle famose “Imbattibili sei”, le Matchless six e alle altre donne che poterono partecipare per la prima volta ad alcune gare di atletica negli anni venti del secolo scorso. Ma questo non è certo un romanzo ‘sportivo’. Il racconto inizia ai giorni nostri quando un ragazzo e una ragazza che vogliono realizzare un documentario scovano la centenaria vecchia gloria dell’atletica canadese ricoverata in un ospizio e si fanno raccontare da lei la sua avventurosa vita. E qui iniziano i flashback attraverso i quali riviviamo con gli occhi della piccola Aggie il suo vivere in una famiglia difficile nella campagna rurale dove le donne sono relegate al ruolo di madri e mogli, altro che emancipazione! La bambina ha un’unica via di sfogo, la corsa in cui eccelle da subito riuscendo a battere i compagni maschi. Mentre la sua famiglia affronta le vicissitudini quotidiane la ragazza si trasferisce in città e inizia ad allenarsi e a gareggiare fino a compiere l’impresa di vincere la medaglia d’oro alle olimpiadi che la trasformano in personaggio. Il tempo, la fama, gli amori sono un turbine che cambiano Aganetha solo apparentemente, che dentro di sé rimane figlia, madre e moglie perché mai e poi mai rinnega i valori che tengono in piedi la sua tragica famiglia. Le pagine scorrono veloci e la scrittura è amabilmente coinvolgente fino all’epilogo che chiude un ciclo iniziato con i passi svelti di una bambina di cent’anni fa e finiscono nei sogni di una ragazza dei giorni nostri.


image_book-13° posto – Le ragazze senza nome di Martha Hall Kelly
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 479

E’ difficile descrivere le emozioni e l’orrore che ho provato mentre leggevo questo libro, la storia romanzata di tre donne così diverse tra loro che si svolge dal 1939 al 1958. L’americana Caroline Ferriday, dei suoi amori e del suo impegno nelle opere di beneficenza, la polacca Kasia Kuzmerick e le altre ragazze usate del campo di concentramento per sole donne di Ravensbrück e della giovane dottoressa Herta Oberheuser impegnata per il Terzo Reich a compiere esperimenti atroci su cavie umane. Pensare che queste donne siano realmente esistite fa venire la pelle d’oca. Un plauso al lavoro di ricerca dell’autrice Martha Hall Kelly, molto brava nel  nel riuscire a non far perdere al lettore il filo del racconto muovendosi su tre trame che s’intrecciano magistralmente.33f5f02000000578-3579886-image-a-69_1462736088355 La testardaggine e il cuore di Caroline ne fanno una donna non solo da ammirare, ma da invidiare per il coraggio che ha avuto nel non rimanere con le mai in mano mentre si compiva la più grande tragedia del novecento. Il coraggio di Kasia, ‘coniglio di Ravensbrück‘ e la sua voglia di vivere siano d’ispirazione per chi si sente perso e schiacciato dagli eventi, poiché l’umanità risiede anche nella speranza di un domani migliore. La cieca abnegazione di Herta traviata per sempre dalla malvagità degli uomini che la circondano e resa cieca dall’orgoglio e dal male. Un modo per riflettere su una storia che in molti reputano oramai da relegare nella soffitta del passato da dimenticare e che invece dovremmo tenere bene a mente per non ripetere nel presente gli stessi errori. Una bella e sana lettura che lascia tanto amaro in bocca e al contempo tanta speranza.


image_book-24° posto – Squadra speciale minestrina in brodo di Roberto Centazzo
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 247

Questo libro del genovese Roberto Centazzo è stata una piacevole sorpresa certo non una minestre ‘riscaldata’. Gli ingredienti del giallo ci sono e sono pure ben dosati, ma qui la soluzione del delitto è in secondo piano rispetto ai tre protagonisti. Tre poliziotti che non appena andati in pensione si rendono conto che l’agognato riposo è di una noia mortale così Ferruccio Pammattone detto “Semolino”, ex vice dirigente alla Squadra mobile, Eugenio Mignogna detto “Kukident”, ex sovrintendente alla Scientifica e Luc Santoro detto “Maalox”, ex assistente capo all’Immigrazione, si fanno carico di un caso irrisolto nell’ambiente dei venditori ambulanti. Lo sfondo della città di Genova fa da contraltare ai personaggi comprimari ben delineati dall’autore e indispensabili a rendere il racconto più agrodolce di quello che altrimenti sarebbe stato.  Così il racconto diventa il pretesto per riflettere sulla figura degli anziani nelle nostre città, su quello che molti si perdono non ascoltando una saggezza che nasce dall’aver compiuto tanti errori nella vita. Una scrittura talvolta un po’ troppo superficiale e leggera (diciamo più che adatta allo scopo) che non fa di certo gridare al capolavoro, ma che non fa rimpiangere il tempo speso su questo libro. Anzi, speriamo  in una prossima avventura di quelli della ‘squadra speciale minestrina in brodo’ .


istantanea_2016-12-29_16-55-165° postoArmenia di Gilbert Sinoué 
Anno pubblicazione: 2011
Pagine: 319
Questo libro parla del popolo armeno e del suo annientamento. Se la cruda storia dei protagonisti è stata romanzata da Gilbert Sinoué nel suo racconto delle vicissitudini della famiglia Tomassian, rimane tanto forte da riuscire a rendere degnamente il dramma storicamente reale. Il lettore è così rappresentato lo sfondo storico di atrocità di violenze realmente accadute, ma viene accompagnato con magistrale sapienza dall’autore che è riuscito a creare un’opera storicamente fedele, ma al contempo accessibile a tutti. E’ passato troppo tempo per giudicare la storia, ma non è mai troppo tardi per ammettere che il genocidio è un crimine che colpisce un popolo, ma verso l’intera umanità. Un libro per riflettere anche sul nostro presente, magari guardandosi attorno.


image_book-36° postoLa stranezza che ho nella testa  di Orhan Pamuk
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 574
Leggendo questo libro mi sono perduto cento volte passeggiando di notte tra i vicoli di Istambul e innamorato cento volte di Rayiha. Il premio Nobel Orham Pamuk narra con la solita capacità di ammaliare il lettore, la storia di Mevlut Karataþ, venditore di boza (la bevanda, leggermente alcolica, tipica della Turchia), lavoratore indefesso, inguaribile ottimista (qualcuno direbbe ingenuo) e sognatore che compie tanti errori (tra i quali quello di corteggiare e sposare la donna sbagliata), ma che non smette mai di credere nella propria normalità. Ma anche della città di Istambul e del tempo (dal 1996 al 2012) che l’attraversa mutandola, una saga grandiosa e potente degli individui e delle famiglie che lottano, si alleano, si amano e si dividono per trovare il proprio posto in questo mondo turbinoso. Lento, ma piacevole, mai noioso, si arriva alla conclusione con il senso di appagamento che si ha dopo aver compiuto un viaggio meraviglioso con in bocca ancora il sapore della boza.


image_book-47° postoLa strategia di Harry Bosch di Michael Connelly
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 372
Le storie del detective Hieronymus Bosch o si amano o si odiano un po’ come succede alle opere del pittore olandese a cui ha rubato il nome. Per me, un fan sfegatato dei thriller di Michael Connelly, è un po’ come sentirsi a casa. L’irriverenza verso l’autorità e la sapienza investigativa del detective di Los Angeles fanno da contrappunto ai casi che lo vedono impegnato questa volta affiancato da una giovane recluta, Lucia Soto a cui mostrerà i mille trucchi del bravo investigatore. L’Unità crimini irrisolti è alle prese questa volta con due cold-case: quello di un mariachi dalla vita irreprensibile colpito anni prima da un proiettile vagante e quello probabilmente collegato al rogo di un asilo non autorizzato avvenuto addirittura vent’anni prima. Harry Bosh come al solito ci si butterà a capofitto portando alla luce storie di avidità e corruzione. Una lettura appassionante dalla prima all’ultima pagina.


image_book-58° postoLa sposa giovane di Alessandro Baricco
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 183
Un libro strano che non porta a niente e che mi è piaciuto anche per questo. La storia di una promessa sposa che attende l’arrivo dell’uomo che dovrebbe sposare, rampollo di una famiglia che campa grazie ai riti che compie nell’attesa del suo ritorno. Personaggi che l’autore sceglie di presentarci per il proprio ruolo e non per nome: ci sono quindi La Sposa, La Madre, Il Padre, ecc… Solo del domestico che sovraintende la casa conosciamo il nome: ‘Modesto’. Riassumendo questo è un libro di attesa, evanescente, ma non banale, che va letto con una certa attenzione, poiché non capire un certo passaggio è tanto facile quanto deleterio a capire l’intera storia.


image_book-69° postoL’informatore di John Grisham
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 332
Il maestro del legal-thriller ci regala un’altra sua meravigliosa storia. Questa volta al centro del racconto non ci saranno dei processi e arringhe, ma il lavoro investigativo e la caparbietà di chi vuole portare alla luce un caso di corruzione. Anche se gli avvocati non mancano non si tratta quindi della solita storia alla ‘Grisham’. Davvero apprezzabile e direi pure riuscito l’intento di John Grisham di uscire dai suoi soliti clichés raccontandoci un’avvincente storia d’investigazioni e colpi di scena lontani da un’aula di tribunale. La protagonista è Lacy Stolz, avvocato che si occupa solitamente di investigazioni presso una commissione statale con la funzione di vigilare sulla cattiva condotta dei giudici, la cui routine viene sconvolta quando insieme ad un collega incontra un avvocato radiato dall’albo che sostiene di avere le prove dell’esistenza di un giudice che ha rubato più soldi di tutti i giudici corrotti d’America messi insieme. Scritto bene con la solita maestria si tratta di un libro di genere ben fatto che non fa rimpiangere il tempo speso a leggerlo.


image_book-710° postoLondon Underground – Le indagini di Neal Carey di Don Winslow
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 411
Chi era Don Winslow prima di diventare Don Winslow? Arriva in Italia il romanzo d’esordio del più grande autore di noir in circolazione uscito nel 1991. Il giovane autore sembra lontano dal grande scrittore che è oggi, che in questo libro concentra i luoghi comuni del mistery (Allie Chase, la figlia adolescente e ribelle di un potente senatore) con la storia quasi dickensiana dell’investigatore Neal Carey che da giovane ladruncolo viene trasformato dal mentore Graham nella punta di diamante della sua agenzia. Neal ha l’incarico di riportare a casa la ragazza e per riuscirci dovrà infiltrarsi nella comunità punk della capitale inglese, un ambiente che gli è sconosciuto e che potrebbe rivelarsi complicato anche per uno cresciuto in strada come lui.


  • La classifica del 2015 la trovi qui: link
  • La classifica del 2014 la trovi qui: link

Recensione: “Caos” – Patricia Cornwell

istantanea_2016-12-17_23-44-06

Caos

Di Patricia Cornwell

Editore: Mondadori (Omnibus)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 345


Questo è uno dei libri peggiori che mi si sia capitato tra le mani e che per oscure ragioni ho comunque letto dalla prima all’ultima pagina. Terminata con fatica la lettura dell’ultima opera della Cornwell mi sono fatto due domande.

1) Ma chi me lo ha fatto fare? La noia mortale che mi ha assalito mentre scorrevo le pagine di questo libro ha raggiunto livelli tali che più volte sono stato tentato di gettarlo nel caminetto. Tutta l’azione (uso sarcasticamente un eufemismo) si svolge in pratica in una serata, tra una cena interrotta e lo scontatissimo finale. Nel mezzo duecento e passa interminabili pagine in cui non succede praticamente niente e il tempo scorre nel sorbirsi le seghe mentali della Scarpetta in attesa che montino uno stupido telone sulla scena del crimine di una povera ciclista lasciata a decomporsi nella torrida calura tipica del Massachusetts. Marino fa la comparsa in pochissime scene e non è il solito sparring partner, idem Lucy e la sua ultratecnologica paranoia, davvero un peccato perché avrebbero potuto distrarre il lettore dallo smascellarsi la mandibola nell’ennesimo sbadiglio. Lo scontatissimo finale viene relegato alle ultime dieci paginette spicciate in fretta e in furia più per accontentare l’editore che il deluso lettore. Ho comunque capito e fatto tesoro che tutti i personaggi “buoni” della storia sono così snob e antipatici che ho deciso che al prossimo giro tifo per il serial killer di turno nella speranza che faccia una carneficina di tutta la combriccola.

2016-11-16_lif_26359018_i12) L’FBI e l’NSA dovrebbero indagare su che fine ha fatto la vera Patricia Cornwell, perché chiunque abbia scritto gli ultimi due/tre libri non è certamente la scrittrice che ci ha tanto appassionato con le sue storie. Non c’è il pathos né quella bravura nel tratteggiare la caratterizzazione dei personaggi che ci hanno fatto amare la dottoressa Scarpetta, Marino e compagnia bella. Secondo me qualcuno l’ha fatta fuori e adesso si spaccia per lei, pubblicando dei libri ignobili, dei noiosissimi e paranoici pamphlet che non hanno niente a che fare con i Thriller con la t maiuscola al quale eravamo abituati.


Mi sono accorto che negli anni mi sono dato pena di scrivere altre due recensioni negative dei libri della Cornwell, il perché continui a sprecare il mio tempo sperando di leggere un buon libro rimane il vero mistero…:

[Google – doodle] 37° anniversario de “La Storia Infinita” di Michael Ende

Istantanea_2016-09-01_00-06-53

Il romanzo fantastico La Storia infinita del tedesco Michael Ende compie 37 anni e Google festeggia l’anniversario dedicando un doodle.

La trama la conoscono tutti: il piccolo Bastiano inizia a leggere un libro sul Regno di Fantàsia, un mondo fantastico minacciato dall’espansione di una forza misteriosa chiamata Nulla, e si ritrova progressivamente coinvolto negli eventi del racconto. Diventato anche lui parte di Fantàsia, Bastiano aiuterà il giovane guerriero Atreiu nel tentativo di salvare il regno dal nulla e riuscirà infine a trovare un modo per ritornare nel mondo reale.

Arrivato in Italia due anni dopo (nell’1981) sull’onda del successo mondiale La Storia infinita è uno dei libri che hanno maggiormente colpito l’immaginario fantastico dei ragazzi di quegli anni soprattutto anche per il film che ne trasse nel 1984 il regista Wolfgang Petersen.

Per capire la grandezza del fenomeno lo potremmo comparare a quello del maghetto Harry Potter di qualche decennio più tardi. All’epoca non c’era ragazzino che non avrebbe dato un occhio per cavalcare il drago Falkor (chiamato Fulkur nel romanzo).

Istantanea_2016-09-01_00-07-03 Istantanea_2016-09-01_00-07-15 Istantanea_2016-09-01_00-07-26 Istantanea_2016-09-01_00-07-37

NON ESISTONO LIBRI SBAGLIATI

Premetto che nella polemica sull’intervista al figlio di Riina sul primo canale della televisione pubblica, mi trovo concorde alla maggioranza di coloro che si sono espressi negativamente in proposito non tanto nel giudicarne il merito, ma quanto per i modi superficiali con il quale tutta l’operazione è stata confezionata e trasmessa.

L’assenza di domande di spunto giornalistico da parte del ruffiano intervistatore non hanno aggiunto nulla a ciò che già era di dominio pubblico, trasformando l’occasione di svelare ulteriori dettagli di un fenomeno certamente negativo, in una semplice ‘marchetta’ promozionale.download

Precedenti, più illustri ce ne sono pure stati a firma di grandi e illustri giornalisti che hanno però saputo gestire la patata bollente con il giusto mestiere di una professione difficile, incalzando ragionevolmente chi avevano di fronte ed era dalla parte del torto, senza fastidiosi salamelecchi e surreali dipinti idilliaci a scapito della verità.

A che pro cimentarsi in una simile operazione se non mostrare all’opinione pubblica il lato oscuro da esecrare oppure rendere tutti partecipi del percorso di redenzione di chi è caduto e vuole magari rialzarsi? L’altra sera invece si è fatto passare un malavitoso (condannato per mafia) come un figlio qualsiasi di genitore che per professione fa il mafioso ed è capace di accarezzare il proprio pargolo con la stessa mano del carnefice: in un paese come il nostro impegnato ogni giorno nella lotta alle organizzazioni criminali e alla loro guasta visione della vita è qualcosa di oltraggioso e inconcepibile.

Come sia possibile che sulla televisione pubblica, che dovrebbe avere come primo obiettivo non certo la ricerca dell’audience a tutti i costi, venga trasmesso un simile spettacolo è la cosa di cui mi capacito di meno. E con questo penso di aver chiarito a sufficienza il mio pensiero al di là di ogni possibile fraintendimento.

Come ahimè spesso accade, lo strascico delle successive polemiche, amplificate dal solito onanismo mediatico, quello di quelli che si svegliano dopo il fattaccio anche se avrebbero dovuto farlo prima, insieme a quelli che per professione sguazzano nei frivoli dibattiti schierandosi dove tira il vento, rischia di travolgere ogni cosa e di aggiungere danni al danno.

Esistono idee sbagliate, magari contrarie alle nostre convinzioni, così come esistono uomini che hanno scelto di vivere in modo sbagliato, Continua a leggere

“Le prime quindici vite di Harry August” – di Claire North

Istantanea_2016-03-28_23-52-14

Titolo: Le prime quindici vite di Harry August

Autrice: Claire North

Editore: NN Editore

Genere: Sci-Fi / thriller

1a ed. italiana: 2015, 384 p.

ISBN: 978-8899253028


«In ciascuna dell nostre vite» dissi «il mondo intorno a noi non cambia. C’è sempre una rivoluzione nel 1917; c’è sempre la guerra nel 1939; Kennedy viene sempre assassinato e i treni saranno sempre in ritardo. Ci sono eventi lineari che non cambiano, per quanto siamo in grado di constatare, da una vita all’altra. L’unico fattore variabile siamo noi. Se il mondo sta cambiando, siamo noi la causa.» 

(Claire North, Le prime quindici vite di Harry August)

Istantanea_2016-03-28_23-48-54

RECENSIONE: Una storia coinvolgente che apre a diversi interrogativi ai quali solo in parte il protagonista prova a rispondere nelle sue prime quindici vite. Una trama avvincente abbastanza ‘diversa’ dal solito che riesce ad unire con una certa efficacia al genere fantascientifico un solido intreccio thriller ingarbugliato in una matassa temporale che se talvolta inquieta il lettore con i suoi alti e bassi riesce infine a portarlo in una linea temporale dove viene ridefinito il concetto di flashback. Pensare di ricominciare la medesima vita dall’inizio è una trovata non molto ‘geniale’, ma se non sei il solo ‘miracolato’ e addirittura esiste un club di persone che morendo tornano da capo, e se uno dei tuoi simili si è messo in testa di cambiare il mondo, allora stai leggendo un romanzo con i contro fiocchi. Un plauso alla giovane scrittrice e al suo lavoro ‘storico’. Le pagine scorrono che è un piacere. Un plauso pure alla casa editrice italiana che in un caso tanto raro quanto straordinario riesce ad azzeccare una copertina che è addirittura migliore di quella originale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: