Anch’io voglio una tessera

Anch’io voglio una tessera.
Anch’io merito di possederne una. Un pezzo di plastica colorata con un logo a tema e un microchip anti-falsificazione che possa fare la sua sporca figura nel mio portafoglio, posta giusto tra la carta d’identità in scadenza e la patente di guida scaduta. Un certificato di appartenenza, di avente diritto, da tirare fuori alla bisogna lasciando chi mi trovo davanti abbastanza confuso nel chiedermi «Bancomat o Carta di Credito?»«Eh no, Signora mia, non ha proprio capito…» – risponderei tutto piccato, schiarendomi al contempo pomposamente la voce – «La mia tessera non serve per comprare, ma per essere.»

La tessera di essere umano.
Non importa il pantone ma che ci sia stampigliato sopra il mio nome e cognome e ammennicoli anagrafici vari, niente foto, che tanto si sa che viene sempre male ed è quindi meglio soprassedere. E ben visibile a caratteri cubitali un codice alfanumerico rilasciato dal ministero taldeitali che attesti non la mia mera esistenza, ma la mie poche qualità e i tanti difetti che fanno del me medesimo un essere umano un po’ fuori forma che ha superato (di poco) gli anta.

Riepilogo e/o ricapitolazione dei difetti/qualità accertati e certificati:

  • ottusamente semi-buonista;
  • incompreso gino-altruista;
  • incapace di essere razzista;
  • illuso eco-idealista;
  • cicciuto rotondeggiante;
  • propenso a frugale calvizie;
  • portatore fiero di lenti;
  • piccoso lettore di storie sospese;
  • numero di scarpe: 46.

Ogni qualvolta me ne venisse lo sfizio, che ne so magari di fronte a qualcheduno in vena di fare polemica con della strana filosofia, la tirerei fuori tanto per confermare il mio seguente dire: «Ecco buon uomo con me non attacca… Guardi m’hanno dato pure la tessera ministeriale.» – inizierei cavandola cerimoniosamente fuori dal portafogli, come fosse burocratica reliquia – «Se per essere titolare di un sacrosanto mio diritto, mi si dice che è necessario che qualcun altro ne debba essere ahi lui privato, per conto mio faccia pure conto che io ne possa fare a meno. E tante grazie lo stesso, sarà per la prossima vita.»
Che a questo mondo se non c’hai la tessera… mica sei nessuno!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: