Ius soli: “Ehi, ma veramente vuoi essere italiano?”

Io non mi fido.

Aldilà della questione politica, io di chi insiste a volere diventare italiano, proprio non riesco a fidarmi.

Datemi pure del cretino, ma come faccio a credere a qualcuno che insiste a volere la cittadinanza italiana? A me la cosa puzza e credetemi dev’esserci sotto qualcosa…

Capirei se uno volesse diventare americano, inglese, tedesco, magari belga o lussemburghese, ma italiano? Dai… Siamo il popolo con meno credibilità al mondo.  Siamo solo capaci di vantarci per le opere di nostri connazionali morti oramai da secoli (anche se impropriamente perché all’epoca di Leonardo ad esempio, l’Italia non esisteva e tanto meno esistevano gli italiani) o che riescono nella vita solo dopo aver avuto il coraggio di averlo abbandonato, questo paese.

Altro che popolo di poeti, santi e navigatori… è ormai cosa risaputa in qualsivoglia istituzione internazionale che siamo i meno affidabili e i più miopi, capaci solo di tirare a campare. Noi invidiamo tutte le altre nazionalità, pure gli eschimesi (che vivendo negli igloo risparmiano sul frigorifero) e i lapponi (che da tempo hanno il monopolio delle renne e per questo ricevono i migliori regali da Babbo Natale). I più furbi e intelligenti (da qui il detto ‘fuga di cervelli) sono piuttosto quelli che dall’Italia si trasferiscono per diventare altrove persone per bene. Se non ci fosse in vigore questa legge capestro dello ius sanguinis” credete che la maggioranza degli italiani non preferirebbe essere francese, svizzero o austriaco?

Quindi a ragion veduta una persona come si deve, anche se gli fosse capitato di venire al mondo in territorio italiano (non dovremmo fargliene una colpa, semmai sanzionare gli sprovveduti genitori per non avere saputo pianificare meglio le vacanze nel nostro paese), non dovrebbe alzare i toni affinché gli venga garantito il suo diritto di essere italiano, piuttosto dovrebbe mettere la cosa a tacere, nasconderla tra le carte di famiglia, fare finta di niente e alla prima occasione diventare cittadino di un paese serio: comunque vada, meglio prendere la nazionalità di uno stato del terzo mondo con tutti i crismi, uno di quelli dove il dittatorello maniaco egocentrico di turno inventa leggi ad personam per arricchirsi alle spalle del suo popolo piuttosto che diventare italiano, in Italia a fare la bella vita sulle spalle degli altri sono molti molti di più.

Quasi quasi per dispetto altro che “ius soli“, io darei la cittadinanza italiana a tutti quelli che ne fanno richiesta e che possiedono dei requisiti minimi tipo questi:

  • aver mangiato almeno una volta nella vita un piatto di pastasciutta  al pomodoro e basilico;
  • conoscere almeno tre imprecazioni che coinvolgono la religione di stato e/o i suoi adepti più carismatici (tipo santi o beati);
  • per i richiedenti maschi: sbavare dietro il fondo schiena di qualsiasi sudamericana apparsa in televisione per più di tre minuti;
  • per le richiedenti femmine: sbavare dietro il fondo schiena di Gabriel Garko;
  • promettere di prendere le ferie solo ad agosto;
  • saper cantare il ritornello dell’Inno Italiano (poropò-poropò-poropoppopopopò!);
  • odiare visceralmente la pizza con l’ananas.

Se uno ha tutti i suddetti requisiti e dopo aver guardato un’edizione del telegiornale di Rete4 ha ancora voglia di ottenere la cittadinanza italiana, che gli si dia pure ‘sta patente. Peggio per lui, noi lo avevamo avvertito!


 

P.S.: Io ci ho scherzato sopra, giusto per stemperare un po’ quello che si è visto e sentito in questi giorni. Che poi a questo mondo tutti hanno il diritto a sognare di diventare qualsiasi cosa, pure italiani se lo vogliono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: