“Ottobre” – Emilio Praga

 

istantanea_2016-09-14_00-12-19Ottobre

 

Un lenzuolo di nebbia avvolge il cielo,
e la pioggia minuta e lenta cade;
le colline lontane han messo il velo,
e di fango si coprono le strade.
5Piangono come vedove le biade,
e l’elegia, battendo stelo a stelo,
addormenta le selve e i nidi invade,
i nidi pieni di piume e di gelo.
Che narrano le gocce ai bruchi erranti?
10Alle bucce che dice il vento fioco?
Oh nelle tombe scheletri grondanti,
oh beltà, robustezze, a poco a poco
scioglientisi coll’acqua, e vegetanti!…
E la gente sonnecchia intorno al foco.

 

Emilio Praga, raccolta “Penombre”, 1864

 

 

Emilio Praga (Gorla, quartiere di Milano, 1839 – Milano 1875), di famiglia benestante, ventenne compie numerosi viaggi in Europa, specialmente in Francia, con lunghi soggiorni a Parigi dove vanno per la maggiore i versi di Baudelaire, Victor Hugo, Alfred de Musset e Heinrich Heine. Tornato in patria diviene amico dei fratelli Camillo ed Arrigo Boito e inizia a frequentare l’ambiente della Scapigliatura. Il successivo dissesto finanziario dell’azienda familiare e la morte del padre lo portano a perdersi nell’alcool e nella droga. Malato si separa dalla moglie e rompe i rapporti con il figlio Marco, il futuro commediografo. Morirà in miseria, alcoolizzato, a soli 36 anni. La sua produzione in versi, iniziata con Tavolozza (1862), prosegue con Penombre (1864), Fiabe e leggende (1867) e Trasparenze (postume, 1878). E’ anche autore di vari libretti d’opera e di testi teatrali (Le madri galanti, con A. Boito, 1863; Altri tempi, 1875), inoltre lascia incompiuto un romanzo sperimentale, Memorie del presbiterio. Scene di provincia, che sarà terminato e pubblicato a cura di Roberto Sacchetti (postumo, 1877 e 1881).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: