Oggi gli Usa celebrano il giorno dell’High Five National Day (“Dammi il cinque”)

Dammi il cinque. E’ incredibile la storia che sta dietro un gesto che ormai diamo per scontato, ma che è nato “ufficialmente” meno di 35 anni fa durante una partita di baseball.

Glenn Burke dà il primo «high five» al compagno Dusty Baker il 2 ottobre 1977, durante la partita tra i Dodgers di Los Angeles e gli Astros di Houston.

Durante l’ultima partita della stagione regolare, Dusty Baker mette a segno il suo 30° fuoricampo dell’anno, che porta dritto i Los Angeles Dodgers alle finali. Momento d’estasi al Dodger Stadium. Un suo compagno, Glenn Burke, si avvicina festoso con il braccio destro alzato e la mano aperta. Baker, che oggi ha 62 anni e allena i Cincinnati Reds, ha raccontato quel momento così: «Vedo Glenn sorridente col braccio su, viene verso di me e non so che cosa diavolo abbia in testa. Ma è un attimo, l’istinto o cosa, non so: anche a me viene di alzare il braccio e shciak, le due mani si incontrano e fanno la storia. Ecco che cosa è successo, ecco come nato l’high five».

Si celebra qui e oggi perché nel terzo giovedì di aprile (che quest’anno cade il 19), in America si festeggia l’«High Five National Day», ovvero l’NH5D la sagra del «dammi il cinque».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: