Il miracolo di Windows 8

Non so voi, ma quando decido di accendere il PC di solito schiaccio il pulsante di accensione e vado a fare qualcos’altro (di solito prendo una bibita o vado in bagno, oppure mi metto a guardare una puntata dei Simpson). I tempi di accensione biblici sono dovuti all’architettura dei nostri computer e relativi sistemi operativi, che richiedono il controllo delle periferiche, il caricamento di un innumerevole serie di driver, applicazioni, ecc… per cui anche il più veloce dei PC (dico quaranta secondi, un minuto), dopo qualche settimana di utilizzo inizia a diventare una lumaca in fase di avvio. Ci sono soluzioni con modalità di accensione che impiegano pochi secondi per l’accesso, ma si riducono a lontani parenti del sistema operativo che di solito utilizziamo sulle nostre macchina, con funzioni limitate al multimedia e a internet.

Con la prossima versione del sistema operativo di Microsoft la sofferenza dovrebbe essere terminata. Con Windows 8 i tempi di accensione si ridurranno a una manciata di secondi. Per gli scettici rimando alla visione del video pubblicato sul blog ufficiale Build Windows 8 grazie a una tecnologia che prende il nome di Hybrid Boot.

Ecco i dettagli del boot di Windows 8:

  1. Dopo aver premuto il pulsante di accensione, il firmware del PC avvia il Power-On Self Test (POST) e il caricamento delle impostazioni. Il pre-boot processo termina quando un disco di sistema valido viene rilevato.
  2. Il firmware legge il Master Boot Record (MBR), e poi comincia il Bootmgr.exe. che avvia Windows loader (Winload.exe) nella partizione di avvio del sistema operativo.
  3. Vengono caricati i driver essenziali per avviare il kernel di Windows e lo si avvia. Si prosegue con il caricamento in memoria del Registro di sistema e dei driver aggiuntivi che sono contrassegnati come BOOT_START.
  4. Il kernel passa il controllo al processo di gestione di sessione (Smss.exe) che inizializza la sessione del sistema e inizia il caricamento dei devices e dei driver che non sono contrassegnati come BOOT_START.
  5. Parte Winlogon.exe,  la schermata di accesso utente appare, il gestore di controllo del servizio avvia i servizi, e gli script dei Criteri di gruppo vengono eseguiti. Quando l’utente si collega, Windows crea una sessione per l’utente.
  6. Explorer.exe si avvia, il sistema crea la finestra di desktop manager (DWM), che inizializza il desktop e lo visualizza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: