«Sistri abolito? Un regalo alle ecomafie»

C’era da aspettarselo e così è stato. Con la scusa di mettere un po’ d’ordine nei conti dello stato senza avere ben in mente una politica economica a lungo termine per il paese si rischia di fare più male che bene. Tra le varie sciocchezze previste nella manovra appena approvata dal Consiglio dei Ministri si prevede pure l’abolizione del sistema di tranciabilità dei rifiuti, il cosiddetto Sistri, introdotto dal 2009 ma mai entrato in vigore per una serie infinita di rinvii per  inconvenienti tecnici.

Se si pensa che Legambiente ha più volte denunciato che l’80% dei rifiuti speciali sparisce nel nulla si può facilmente comprendere come la cancellazione di un simile sistema di controllo (tra l’altro previsto dalla legislazione comunitaria) sia un regalo alle ecomafie.

Così diventa più evidente la politica del governo: anziché prendere i soldi da chi è disonesto e non paga, si alzano le gabelle ai soliti onesti; e anziché ridurre quei traffici che fanno del nostro paese una nazione di serie B, si limitano il più possibile i controlli confidando nella nota onestà degli operatori del settore.

Se si può essere d’accordo che è l’ora di stringere la cinghia per portare l’Italia fuori dall’empasse economica mondiale, non bisognerebbe fare come si farebbe in ogni normale famiglia di fronte a scelte obbligate di riduzione del bilancio: si riducono le spese superflue (leggi quelle legate alla casta che mangiano a nostre spese), ma non si rinuncia ad investire sul futuro dei propri figli.

Una Risposta

  1. tutto vero quello che hai scritto , e’ un bel regalo alla ecomafia ,il sistri si dovrebbe occupare di tutto dagli oli alle batterie alle vernici cioe’ a tutte quelle sostanze inquinanti e tossiche che viaggiano indisturbate per la nostra penisola .
    abbiamo dei ministri veramente incredibili, nessuno dico nessuno parla di questo , ma neanche i giornalisti si sono degnati di scrivere una riga su questo ennesimo scandalo tutto italiano .
    che schifo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: