Fuga senza fine di Joseph Roth

“Non aveva nessuna professione, nessun amore, nessun desiderio, nessuna speranza, nessuna ambizione e nemmeno egoismo. Superfluo come lui non c’era nessuno al mondo”

 

Titolo: Fuga senza fine: una storia vera

Titolo originale: Die Flucht ohne Ende

Autore: Joseph Roth

Genere: Romanzo

1a ed. originale: 1927


Non capita spesso di trovarsi a iniziare un libro come questo. Solo dopo poche righe decidere che si tratta di un libro che non fa per noi: troppo non so che! E poi ritrovarselo misteriosamente in mano costretti a continuarne con malavoglia la lettura, convinti che solo finendolo si possa mettere fine al sortilegio.

Cercare un senso in quelle frasi e finalmente trovarlo nelle ultime quattro righe. E allora ricominciare il libro dall’inizio con altri occhi, godendo di ogni singola parola, riuscendo a comprendere che l’autore a quasi cent’anni di distanza ha scritto quel libro pensando proprio a te.

E quanto mi è successo con questo meraviglioso libro: “Fuga senza fine” di Joseph Roth che narra le vicende di Franz Tunda, tenente dell’esercito austriaco, prigioniero dei russi, profugo in Siberia, rivoluzionario comunista, innamorato della rivoluzionaria Natasha, della moglie ucraina Alja, della signora G. e per sempre della sua promessa sposa Irene. A Parigi tirerà le somme di un’esistenza che deve fare i conti con l’emergente pensiero borghese in lotta con le idee rivoluzionarie comuniste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: