Apple Vs. Privacy

Utenti in rivolta: «Le applicazioni di iPad e iPhone ci spiano»

E non dite che non vi avevamo avvertito. Farsi abbagliare dalle innumerevoli possibilità che le app sembrano darci per pochi euro è stato facile. Ma adesso si fanno i conti con l’oste. E’ di qualche giorno fa la notizia giunta dall’America di una class action contro la Apple per violazione della privacy degli utenti attraverso le più popolari e scaricate app, utility e giochi che trasmettono l’ID univoco dell’apparecchio, dati di geo-localizzazione, informazioni su sesso, età e altri dati sensibili senza chiedere alcun consenso.

Tutti questi dati verrebbero raccolti e venduti a terze parti (società di comunicazione e aziende pubblicitarie) che li utilizzano per profilare gli utenti per i loro scopi di marketing: il tutto all’insaputa degli ignari utilizzatori.

E non si parla solo di qualche applicazione fuori controllo ma, secondo una ricerca del Wall Street Journal, sarebbero ben 45 sulle 101 applicazioni controllate scelte tra quelle più popolari a non proporre una policy nè sul sito del produttore nè all’interno dell’applicazione. Va inoltre ricordato che il problema oltre all’azienda di Steve Jobs coinvolgerebbe direttamente anche Google che è messa sotto accusa perchè alcuni applicativi incriminati (ad esempio Pandora) oltre sui device di Cupertino girano anche sui sistemi Android di BigG.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: