Clima modificato in Cina

A guardare le immagini al telegiornale mi è venuta la pelle d’oca e non era certo un riflesso condizionato nel vedere tutta quella soffice e fredda neve che ha ricoperto in poche ore la città di Pechino. china_dailyQuello che mi ha lasciato a bocca aperta è che l’abbondante nevicata fosse stata pianificata dai signori Zhang Qiang e Guo Wenli, rispettivamente direttore del Weather Modification Command Center e capo del centro climatico dell’Ufficio metereologico di Pechino che, per porre rimedio ai 110 giorni di siccità che affliggevano la regione (una siccità così non veniva registrata da ben 39 anni) hanno autorizzato l’utilizzo di ben 186 tubi contenenti ioduro d’argento. La nevicata avrà pure risolto il problema della siccità, ma ha completamente immobilizzato la città cinese e fatto chiudere le tre autostrade che la circondano rendendo alquanto difficile la vita ai 6.000 poliziotti addetti al traffico.

Pare che anche governo statunitense stia conducendo da circa mezzo secolo (ma la danza della pioggia delle tribù indiane sono antecedenti) esperimenti sulle manipolazioni climatiche (dal Progetto Cirrus al Progetto Popeye per finire al recentissimo Progetto S517, clikka qui per approfondire) e che dire sempre dei cinesi che durante la XXIX edizione dei Giochi Olimpici per avere bel tempo nelle giornate di apertura e di chiusura sparavano alle nuvole, ma qualcuno dovrebbe avvertire ‘sti signori che a scherzar col fuoco prima o poi ci si scotta. O, no?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: