Racconto: La verità

1513

– Pensi mai alla verità? –
– Certo. Senza alcun dubbio poichè la verità è il traguardo dell’uomo.-
– E sentiamo. A quale verità sei disposto a credere? –
– Come! Non ti seguo. La verità… la verità è una sola! E a quella aspiro con tutte le mie forze. –
– Davvero ne sei convinto. Aspetta, voglio farti capire…

La verità

Immagina che la verità sia un’enorme sfera di piombo posta al centro di una stanza buia, anch’essa enorme. Una stanza così grande che è impossibile vederne il soffitto o scorgerne le pareti. Immagina ora che questa stanza si trovi dispersa in mezzo ad un labirinto infinito di altre immense stanze buie. Alcune stanze sono completamente vuote, mentre in altre si possono trovare delle sfere.

Alcune sfere sono di vetro trasparente, altre di legno di balsa leggerissime, altre di carta e così via. Solo la sfera della verità è fatta di piombo perché la verità è pesante e impenetrabile.

Allora… sono molti gli uomini che cercano la verità e ognuno di questi finisce per perdersi nel buio del labirinto.

Ma Dio è stato buono con gli uomini. Insieme alla vita, ci ha donato una torcia, il nostro intelletto, che possiamo utilizzare, a nostro arbitrio, per orientarci nel dedalo di stanze che costituiscono il labirinto dove è nascosta la verità. Chi si avventura nell labirinto, ha così la possibilità di illuminarlo un poco. Stando bene attenti però: si tratta di una semplice torcia elettrica e quindi le batterie prima o poi si scaricano e nessuno ha in dotazione quelle di scorta.

La ricerca della verità è quindi molto ardua.

C’è chi s’imbatte in stanze vuote e per tutta la vita rimane a bocca asciutta.

Non sono molti, anzi sono pochissimi. I più sfortunati.

La maggior parte s’imbatte in almeno una sfera.

Molti a questo punto si fermano e accendono la propria torcia.

Spesso si tratta solo di una sfera fasulla, ma c’è anche chi non se ne accorge. Utilizzando al meglio il flebile fascio di luce che emana la torcia si può capire che non si tratta della verità, ad esempio se la luce attraversa la nostra palla. Altre volte si può provare a spostarla, se risulta facile, non si tratterà certo di piombo.

Poi ci sono pochi fortunati che prima o poi s’imbattono nella stanza dove si trova la verità.

Purtroppo molti di questi spesso passano oltre, ma ci sono alcuni che alla fine la trovano e con emozione si siedono accanto alla sfera e cercano d’illuminarla. A questo punto quasi tutti però s’accontentano di rimanere lì immobili, con lo sguardo fisso sulla piccola porzione di verità che riescono a stento ad illuminare con la loro torcia.

Pare strano ma sono davvero in pochissimi, in verità quasi nessuno, coloro i quali intuiscono che il giusto modo di illuminare la sfera è quello di farlo muovendosi, cercando di cambiare il proprio punto di vista. Solo in questa maniera, una volta completato il giro della sfera, potranno asserire di aver compreso la verità.

Ma ad essere sinceri, anche quest’ultimi sono solo dei poveri illusi. Anche così facendo avranno potuto scorgerne solo la superficie, poiché la luce della torcia non può attraversare la sfera di piombo. –

– Insomma stai sostenendo che nessuno è a conoscenza della verità. E per di più che nessuno la potrà mai conoscere interamente.-

– E’ un vero peccato che tu non mi stia a sentire quando parlo. Ho solo detto che impossibile arrivare alla verità se ti accontenti di usare la sola torcia…-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: