Nuove indiscrezioni sul prossimo iPhone 6

A poche settimane dalla presentazione ufficiale del nuovo melafonino girano in rete parecchie indiscrezioni sulle sue stupefacenti caratteristiche tecniche.

Ma grazie ad una fuga di notizie dal centro ricerche di Cupertino siamo in grado di annunciarvi in anteprima che grazie a nuove implementazioni sul sistema iOS finalmente sarà possibile utilizzare l’iPhone 6 anche per telefonare e inviare SMS. Ben consci che per i potenziali acquirenti del prodotto Apple si tratta di questioni marginali, non possiamo che lodare gli sforzi profusi.

iphone6

BUON FERRAGOSTO A TUTTI!!!

Oggi è Ferragosto, ed è tempo di vacanze, di viaggi, di divertimenti… l’immancabile gita fuori porta, con il pranzo al sacco con il rito dell’anguria da mangiare in riva ad acque marina, fluviali o lacustri.
estate-650x245

“Il Ferragosto è una festività tipicamente italiana che cade il giorno della Festa Assunzione della Vergine Maria. Tradizionalmente dedicata alle gite fuori porta, è spesso caratterizzata da lauti pranzi al sacco e, data la calura stagionale, da rinfrescanti bagni in acque marine, fluviali o lacustri. Molto diffuso anche l’esodo verso le località montane o collinari, in cerca di refrigerio.”

Il mio augurio sopratutto a coloro i quali per mille motivi anche quest’anno non si sono potuti permettere di partire (secondo le statistiche sono due italiani su quattro): ragazzi tenete duro che ci rifaremo l’estate prossima!!!


 

Tradizioni del Ferragosto nel resto del mondo

 IRLANDA

In lingua gaelica, l’Assunzione viene detta Féile Mhuire ‘sa bhFomhar ed è una festività che ha da sempre una particolare importanza. Un’antica leggenda vuole che il bagno in mare il giorno di Ferragosto abbia un effetto benefico per la salute; in passato, pertanto, impiegati e servi nelle contee di Limerick e Kerry includevano negli accordi con i padroni la previsione della festività dell’Assunzione in modo da poter prendere parte al rituale.

  CANADA

Il 15 di agosto in Canada si celebra l’Acadian Day, festa legata all’Acadia (la prima colonia francese dell’America settentrionale). Gli abitanti di quest’area decisero di prevedere una festa nazionale in onore di Maria, la quale è simboleggiata anche dalla stella d’oro posta nella bandiera della regione, adottata ufficialmente il 15 agosto 1884.

 

 INDIA

Lontano da ricorrenze religiose, il 15 di agosto in India si celebra il Giorno dell’Indipendenza dalla Gran Bretagna, conquistata nel 1947. Tale ricorrenza ha ottenuto una risonanza mondiale soprattutto grazie all’impegno di Mahatma Gandhi, che tra gli anni ’20 e ’30 guidò milioni di persone in una campagna di disobbedienza civile.

“Mork & Mindy”, il primo successo di Robin Williams

La serie tv trasmessa dal 1978 al 1982 sul network ABC a far conoscere in tutto il mondo le straordinarie qualità dell’attore. In Italia le prime due stagioni furono trasmesse su Rai 2 nel 1979, mentre nel 1984 furono trasmessi su Italia Uno le repliche degli episodi delle due stagioni per poi trasmettere la terza e la quarta stagione con un nuovo doppiaggio.

mork_and_mindy_650x300

È stata la televisione a porre alla ribalta e a far conoscere al grande pubblico americano il talento di quel ragazzo di Chicago che recitava negli spettacoli universitari e si era iscritto ai corsi di recitazione drammatica alla Juilliard School di New York. Robin Williams aveva lavorato anche come mimo nel Richard Pryor Show, ma la svolta, quella vera, arrivò quando Garry Marshall (creatore anche di Happy Days e di Laverne & Shirley) gli propose il ruolo di un alieno in un telefilm che stava per realizzare. In pochi ricordano che Mork & Mindy era uno spin off di Happy Days: l’alieno Mork compare per la prima volta accanto a Fonzie in un episodio della quinta serie intitolato Fantascienza anche per Fonzie.

Mork & MindyNel 1978 vengono trasmesse le prime puntate di Mork & Mindy. La trama è Continua a leggere

Google celebra Anders Jonas Ångström con un doodle

google_doodle_Ångström

Google celebra con un doodle per il 200° anniversario della nascita di Anders Jonas Ångström, il fisico svedese tra i fondatori della scienza della spettroscopia nato a Lögdö proprio il 13 agosto 1814 e morto a 59 anni il 21 giugno 1874 a Uppsala dopo una serie di scoperte straordinarie. Studiò il calore, il magnetismo e, soprattutto, l’ottica.

 

R.I.P. Robin Williams

download

E’ morto a 63 anni l’attore americano Robin Williams all’età di 63 anni. A comunicarlo la polizia di Marin County in California che dopo aver ricevuto una chiamata che chiedeva aiuto per un uomo incosciente e con difficoltà respiratorie. Pare che all’arrivo dei soccorsi, l’attore fosse già morto.

Negli anni settanta divenne famoso insieme all’attrice Pam Dawber per la sua interpretazione di un alieno strampalato proveniente dal pianeta Ork nel telefilm Mork & Mindi, in seguito spopolerà al cinema in Popeye di Robert Altman (1980), di Adrian Cronauer in Good Morning, Vietnam (1987); è stato inoltre il professor John Keating ne L’attimo fuggente di Peter Weir (1989), Hook per Steven Spielberg (1991), il papà travestito da tata in Mrs. Doubtfire di Chris Columbus (1993) e uno dei protagonisti in Insomnia (2002) di Christopher Nolan. Tra i successi degli ultimi anni vi sono Will Hunting – Genio ribelle, del 1997, a fianco della giovane star emergente Matt Damon, grazie al quale vince la statuetta come “miglior attore non protagonista”, e la pellicola fantasy Al di là dei sogni. Recentemente era stato protagonista di una nuova serie televisiva in The Crazy Ones in cui è comparsa in un cameo anche Pam Dawber.

Google dedica un doodle alla notte San Lorenzo 2014

google_perseidi

Il doodle animato che compare oggi sulla homepage del motore di ricerca di Google è dedicato alla notte di San Lorenzo che cade tra il 10 e l’11 agosto, durante la quale la Terra incrocia nella sua orbita i detriti lasciati dalla cometa Swift-Tuttle che ci allietano con il fenomeno delle stelle cadenti (in realtà  si tratta di polveri e piccoli detriti che si scontrano ad altissime velocità contro la nostra atmosfera ionizzandola  dando origine alla caratteristica evanescente scia luminosa, quest’anno il fenomeno si protrarrà fino al 18 agosto con il picco massimo previsto nella notte tra il 12 e 13 agosto).

La tradizione narra che un certo Laurentius, diacono al tempo dell’imperatore Valeriano, durante la persecuzione anti-cristiana di Roma rifiutò di consegnare alle autorità i beni della sua comunità. Per punizione il 10 agosto del 258 d.C. fu condannato ad essere legato ad una graticola e quindi arso vivo. La notte di San Lorenzo viene così da tempi immemori dedicata al martirio del santo e la leggenda vuole che le stelle cadenti non siano altro che le lacrime versate dal santo durante il suo supplizio. In questa notte crede si possano avverare i desideri di tutti coloro che si soffermino a ricordare il suo dolore, e ad ogni stella cadente si pronuncia la filastrocca “Stella, mia bella stella, desidero che…“, per poi aspettare l’avverarsi dell’evento desiderato durante l’anno.

Quando internet non se lo filava nessuno

In questi giorni in puro stile amarcord la Microsoft da la possibilità di rivivere la rete degli inizi degli anni novanta ripubblicando la propria homepage così come si presentava nel 1994.

microsoft_old_homepage

L’operazione nostalgia del gigante di Redmond è stata raccontata (qui il link del post originale) da Mark Ingalls, primo amministratore del sito Microsoft.com, che ha voluto spiegare ai moderni internauti che vent’anni fa era tra i 10 siti più visitati al mondo. La sua grafica minimalista era dovuta non solo al fatto che la notazione html era solo agli inizi, ma soprattutto perché i web designer non potevano appesantire troppo la pagina per non mettere in crisi la navigazione viste le ridicole prestazioni delle connessioni dial-up dell’epoca richiedevano dai tre ai cinque secondi per la completa visualizzazione.

Se pensiamo a quello che si può fare al giorno d’oggi su internet viene da chiedersi cosa faremo in rete fra vent’anni.

Internet è ormai diventato uno strumento abituale che ha rivoluzionato il nostro modo di vivere sia in ambito lavorativo che tra le pareti domestiche. E’ difficile spiegare ai nostri figli, i nativi digitali, che cos’era il mondo prima del web. In Italia agli inizi degli anni novanta, se ti scappava in una conversazione che navigavi su internet i più ti guardavano come se fossi un extra terrestre e c’era qualcuno che ti chiedeva dove tenessi la tua barca… ma tu non li stavi manco a sentire e orfano delle bbs accendevi il tuo modem che con i suoi inconfondibili squittii ti collegava al resto del mondo e lanciato Netscape ti mettevi a scoprire il Worl Wide Web.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 171 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: